Il loro piccolo ha appena 2 mesi quando, dopo aver notato dei segni sospetti sulla manina, i genitori lo portano in ospedale. Mai e poi mai, però, avrebbero immaginato di perderlo dopo poche ore: ”Ecco perché è morto”


 

I genitori del piccolo Lance Ryder, 2 mesi appena, avevano notato due segni sospetti sulla mano del loro bimbo ma mai avrebbero pensato di dire addio a quella piccola vita dopo sole 10 ore di ricovero. Segni che li avrebbero fatti subito ipotizzare il morso di un ragno ma i medici dell’ospedale dove è stato trasportato Lance non si sono ancora pronunciati in via definitiva. Questa è una storia triste, una tragedia, che ha avuto come teatro Perth, Australia.

(Continua a leggere dopo la foto)



Per la gioia di mamma e papà Lance era venuto al mondo lo scorso 28 febbraio ma 2 mesi dopo si è spento, probabilmente, come detto, per il morso di un ragno anche se devono ancora essere conclusi tutti gli accertamenti. Cosa rara essere morsi da un ragno e ancor più raro è morirne. Nella maggior parte dei casi, infatti, il loro morso provoca un’infiammazione o, tuttalpiù, un’infezione. E la domanda fondamentale poi – la stessa che su cui si staranno interrogando gli esperti per stabilire la causa del decesso del piccolo Lance – è: quale specie di ragno può aver portato a una così grave e tragica conseguenza? È già successo nel 1979 quando sempre in Australia si è verificato l’ultimo caso – accertato – di morte per morso di ragno.

 

(Continua a leggere dopo la foto)


Solo 2, poi, tendenzialmente, sarebbero i tipi di ragni australiani potenzialmente mortali. Uno di questi esemplari è denominato Redback e come riportato da alcuni media, il morso di questo ragno, poco dopo la morte di Lance Ryder, avrebbe causato la morte di Jayden Burleigh, deceduto il 9 aprile scorso. Un’ipotesi, anche questa, che però non è ancora stata confermata dai medici. Va detto subito – anche per evitare allarmismi e panico generale – che il 98-99% dei ragni è innocuo. Quattro, invece, sono le specie potenzialmente mortali: Phoneutria, Atrax, Latrodectus e Loxosceles.

E in Italia? Nel nostro paese è presente un solo esemplare di ragno in grado di provocare effetti tossici generali: si chiama Latrodectes tredecimguttatus, comunemente detto Malmignatta, e vive nell’Italia meridionale e centrale. Ma va anche detto che questa specie diventa aggressiva solo percepisce di trovarsi in pericolo, quindi se la sua ragnatela viene disturbata.

 

Il pericolo è tornato: in Italia il ragno che uccide con un morso. Ecco dove è possibile avere spiacevoli incontri ravvicinati con la Vedova nera