Aiuto! Un vicenda che fa gelare il sangue. Una donna tenta di rubare il bambino alla mamma ancora incinta. Quello che succede è veramente terrificante… non c’è limite alla follia umana


 

È successo un anno fa, Michelle Wilkins, una donna di 26 anni del Nord Carolina, aspettava il suo primo figlio. Quando le è capitato qualcosa di veramente orribile. Incinta al settimo mese, stava vivendo uno dei più bei momenti della sua vita. Ma i suoi sogni si sono infranti,per diventare un orrendo incubo, quando una Dimel Lane le ha strappato via la sua bambina dal grembo. La settimana scorsa, la donna che ha compiuto questo tremendo crimine è stata condannata a 100 anni di prigione in Colorado.
(Continua a leggere dopo la foto)



Ma come è potuto accadere? La Lane aveva ricevuto a casa sua la futura mamma con il pretesto di una vendita di vestiti per bambini. Ma in realtà si trattava di una trappola. Una volta che Michelle era in casa, Dynel Lane l’ha attaccata, pugnalandola alla pancia, con lo scopo di rubarle il bebè che aveva in grembo. La povera vittima di questa tremenda vicenda è riuscita a salvarsi, ma per la piccola, che si sarebbe dovuta chiamare Aurora, non c’è stato nulla da fare ed è morta.

(Continua a leggere dopo la foto)


A scoprire l’orrore, è stato il compagno della Lane che rientrato prima dal lavoro ha scoperto il corpo coperto di sangue della bambina e la madre riversa a terra. La donna ha raccontato che Michelle aveva avuto un aborto spontaneo. L’uomo ha coperto la bambina con un lenzuolo e do corsa sono andati in ospedale. Là Dynel Lane è stata fermata e arrestata. La coppia ha due figli adolescenti, nel dicembre del 2014 Dynel aveva mostrato a una delle figlie una ecografia, spiegandole che presto sarebbe arrivato un fratellino. Secondo il giornale “Longmont Times Call”, la donna aveva perso il figlio di 19 mesi a causa di un annegamento accidentale.

(Continua a leggere dopo la foto)


Secondo gli inquirenti, Dynel Lane avrebbe premeditato per lungo tempo sul delitto compiuto ai danni di Michelle e della piccola mai nata Aurora: “Ha sicuramente studiato come fare un parto cesareo” ha detto la polizia, visto che l’incisione era stata fatta con cura.

 

“Correte, il bambino sta morendo!”. Un attimo di distrazione e il piccolo di 2 anni appena rischiava di morire per colpa di un pezzetto di cibo o almeno così sembrava, perché quando arrivano in ospedale qualcosa non convince i medici e il padre…