Spende 1.000 euro al mese perché vuole che sua figlia (di 11 anni) sia la più bella e la più alla moda della scuola. Ma il papà della piccola, che “vuole solo il suo bene”, viene demolito dal web. La folle storia (alla quale probabilmente non crederete)


 

“Il diavolo veste Prada” era il titolo di un famoso film con protagonista la sempre stupenda Meryl Streep. Aggiornandolo ai tempi correnti, però, bene sarebbe cambiare il nome della pellicola in “Gli scolaretti vestono Prada”, o qualcosa del genere. Vedere per credere le folli spese fatte da questo papà per far si che la figlia potesse presentarsi sui banchi sfoggiando un look da urlo. Davvero da non credere.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

Lui, Bobbie, è un agente di cambio che si dice pronto a qualsiasi cosa pur di far felice la sua piccola Lili-Rae, 11 anni. Al punto da spendere quasi 1500 euro in un solo mese per permetterle di indossare abiti firmati che tante donne possono soltanto sognare. Scarpe di Prada, borsa Longchamp. Soltanto il meglio.

“Guardo a mia figlia come un investimento – spiega lui – è la mia bambina e deve avere sempre il massimo”. Lei, Lili-Rae, sembra già avere le idee chiare: Chloe, Juicy Couture e Ralph Lauren sono le sue marche preferite. Sa già che, se sarà così brava da imparare una nuova lingua, avrà anche tra le mani un bel Rolex, già promessole dal generoso papà.




“Mi sento soddisfatto quando spendo soldi per mia figlia – ammette Bobbie – sogna già di diventare una modella e farò il possibile affinché il suo desiderio si avveri”. E a chi gli fa notare che, forse, oltre 1000 euro ogni mese per arricchire l’armadio di una bambina sono forse troppi, replica candidamente: “Ognuno, a suo modo, spende soldi per i figli. Io lo faccio in maniera diversa, ma il principio è lo stesso”.

 

Ricordate Nellie Oleson de La casa nella prateria? Era la ragazzina viziata e vanitosa, nemica giurata e rivale della protagonista Laura Ingalls: a distanza di anni ecco come la ritroviamo. Sorpresi?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it