Una vicenda incredibile che vi farà piangere, ma poi vi farà gioire. L’incredibile storia di Milena che quell’estate si è salvata per miracolo. Un fulmine e poi…


 

Una vera combattente Milena Béthaz, una guardaparco del Gran Paradiso, a cui è cambiata per sempre la vita, quel 17 agosto del 2000, quando un fulmine l’ha colpita. Ma lei non ha mai smesso di lottare e ha ripreso in mano la sua vita nonostante le tante difficoltà.

(Continua a leggere dopo la foto)



Un fulmine la trapassò, entrando nell’orecchio destro e uscendo dalla caviglia dopo aver fatto esplodere lo scarpone, mentre faceva un giro di perlustrazione a tremila metri. Lei, Milena, si è salvata, ma il collega Luigi Fachin con cui si trovava perse la vita. La guardaparco ora, grazie alla sua determinazione e alla sua grande forza di volontà, è riuscita a riscattarsi e, dopo un lungo recupero, ha raggiunto finalmente la vetta del Gran Paradiso. E tutto questo si può vedere nel filmato, realizzato dal Giroparchi WebTV, in cui lancia un messaggio a tutte le persone che affrontano le difficoltà della vita. La storia della donna è stata raccontata dal quotidiano La Stampa.

In quel giorno d’estate Milena e Luigi erano sul colle dell’Entrelor, tra la sua Valgrisenche e vallata di Rhêmes, quando un temporale giunse all’improvviso. Poi due fulmini, uno che uccise sul colpo Fachin, l’altro che attraversò Milena e la scaraventò lontano decine di metri: “Non ricordo nulla. Quella saetta ha bruciato la mia memoria anche del giorno prima. Mi è rimasto in mente il volto di Luigi che già avevo conosciuto prima”. Salva per miracolo, ma per Milena, campionessa di corsa in montagna, fu l’inizio di un calvario. Il coma, le operazioni al cervello, la paresi, poi numerosi interventi al piede destro e una lunga riabilitazione. Finalmente dopo aver superato tutto questo, oggi è diventata un punto di riferimento per tutti coloro che tentano di riappropriarsi della loro vita dopo una malattia.

 

“Ecco com’è facile morire colpiti da un fulmine. Ci è arrivato addosso come una bomba e…”