Trova la moglie morta e non regge: Pier Carlo ha seguito Mirella. Insieme fino alla fine


Insieme per una vita, mai un giorno separati in quarant’anni di matrimonio. E così Pier Carlo ha trovato la sua Mirella morta non deve aver retto al dolore e ha deciso di seguirla. Una storia che arriva da Pinerolo, in provincia di Torino, dove la coppia viveva. Un amore di altri tempi, il loro, dice chi li conosceva. Quell’amore che non ammette separazione, nemmeno per scherzo. Un amore così forte che non teme nemmeno la morte.

Come raccontano i quotidiani locali, Mirella Rocchietti, 83 anni, è stata trovata morta il 23 dicembre scorso nella sua casa a Pinerolo, in via Bandello 10. Il decesso, secondo un primo riscontro medico, sarebbe avvenuto per cause naturali. È stato il marito, Pier Carlo Marchese, 85 anni, a trovare la donna senza vita sul divano e, come anticipato, era così sconvolto da farla finita: il pomeriggio stesso dell’antivigilia di Natale ha raggiunto il balcone della sua abitazione che si trova al quarto piano e si è buttato giù. (Continua dopo la foto)








Due gesti strazianti, scrive Repubblica, prima di togliersi la vita e raggiungere l’amata Mirella: ha preso una coperta che aveva sul divano e l’ha appoggiata sulla donna e ha anche lasciato le chiavi nella toppa all’esterno in modo tale da non costringere nessuno a sfondare la porta d’ingresso. Il personale sanitario del 118, intervenuto sul posto, ha provato a rianimare Pier Carlo, ma ogni tentativo si è rivelato inutile. Se n’era già andato, è morto sul colpo. (Continua dopo la foto)






Moglie e marito, che lasciano una figlia che vive a Milano, sono stati trasportati nella camera mortuaria del cimitero di Pinerolo a disposizione dell’autorità giudiziaria. Erano anziani e come molti col tempo avevano entrambi iniziato ad accusare problemi di salute. Chi li conosceva racconta che si davano una mano a vicenda per farcela da soli senza chiedere aiuto. Ordinavano a domicilio la spesa e tutte le mattine lui scendeva a portare giù la spazzatura. (Continua dopo la foto)



 


“Si sono aiutati fino alla fine”, raccontano i conoscenti. “Erano due signori gentilissimi che si preoccupavano sempre di non disturbare troppo”, dicono ancora i vicini di casa. Uno di loro aveva visto il signor Pier Carlo, ex dipendente di una cartiera di Pinerolo, proprio la mattina della tragedia: “Ha salutato come sempre, cortese”, ha detto. Rincasando deve aver fatto la drammatica scoperta della morte dell’amata moglie e, sconvolto, preso la decisione di seguirla nell’ultimo viaggio.

“Erano innamorati”. Giulia e Sergio, morti insieme dopo una giornata al lago. Due famiglie e due paesi sconvolti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it