Nata prematura, per i medici non aveva speranze: quello di Bea è un ‘miracolo di Natale’


La vita può mettere a dura prova, ma a volte riesce a sorprendere e, anche quando le speranze sembrano azzerate, si verifica qualcosa che somiglia a un miracolo. La storia della piccola Sussie Bea Patrick è un esempio e non a caso è balzata agli onori della cronaca come un vero “miracolo di Natale”. È nata prematura. Ad appena ventidue settimane e quattro giorni in gravidanza, il che significa con un anticipo di ben quattro mesi rispetto ai tempi previsti.

Sussie Bea è venuta al mondo troppo presto, con un’aspettativa di vita quasi nulla. Ne erano convinti i medici, che hanno quindi dovuto comunicare ai neo genitori, Lee e Jodie Patrick, la notizia che nessuno vorrebbe sentire in un momento di gioia assoluta come quello dell’arrivo di un figlio: la bambina non ha alcuna speranza di vita, avevano detto i dottori. E dovevano essere pronti al peggio perché anche se fosse miracolosamente sopravvissuta, la piccola avrebbe avuto una qualità di vita pari a un vegetale. (Continua dopo la foto)



“Ci hanno detto che non avrebbe respirato a lungo, di prepararci a vederla già morta ma quando è venuta al mondo e ha dato un piccolo gemito i medici hanno iniziato subito a lavorarci e giorno dopo giorno anche loro si sono ricreduti”, ha raccontato il papà della piccola, Lee Patrick, che vive con la moglie Jodie a Birkenhead, nei pressi di Liverpool, in Gran Bretagna. (Continua dopo la foto)


Sussie Bea pesava appena 480 grammi e aveva le dimensioni di una tavoletta di cioccolata quando è nata. Ma come detto, nessuno si è arreso. La coppia ha vissuto un periodo molto difficile. Insieme hanno vissuto per mesi in una casa famiglia vicino all’ospedale Arrowe Park di Wirral, nel Merseyside, mentre la loro bambina lottava ogni giorno per sopravvivere e, a distanza di cinque mesi dalla nascita, è arrivata finalmente la bella notizia. (Continua dopo la foto)


 


Perché Bea si è dimostrata di gran lunga più forte dei pronostici. Ha lottato come una piccola leonessa e dopo cinque mesi trascorsi nell’unità neonatale dell’ospedale in cui è venuta al mondo, è arrivata la notizia più bella per la famiglia Patrick: la bambina è in perfetta forma e ha potuto finalmente tornare a casa insieme alla mamma e al papà. E in tempo per trascorrere tutti insieme il Natale.

Uno spettacolo già da bambina: la riconoscete? Lo sguardo è inconfondibile