Trovano uno yatch alla deriva, ma quando salgono a bordo la macabra scoperta: quello che c’è al suo interno sembra uscito da un film horror. Attenzione queste immagini potrebbero urtare la vostra sensibilità


A fare la terribile scoperta è stato Christopher Rivas, un 23ennne che si trovava a largo di Barobo, Surigao del Sur, nelle Filippine. Mentre era in navigazione ha prima visto uno yatch alla deriva, poi ha deciso di salirci per assicursi che fosse deserto. Poi la macabra scoperta, nella barca c’era il corpo mummificato di un uomo, uno skipper scomparso nel 2009.

(continua dopo la foto)








Sembra si tratti di un tedesco di 59 anni, Manfred Fritz Bajorat, impegnato in un’avventura in solitaria in giro per il mondo. Sono ancora sconosciute le cause della morte. Quando il giovane è salito sull’imbarcazione non poteva credere ai suoi occhi: il corpo del proprietario era mummificato e solo dai documenti si è riusciti a risalire all’identità dello skipper.

(continua dopo la foto)





La polizia del posto ha diffuso in rete le foto e spiegato che l’albero maestro dello yacht era distrutto e gran parte della cabina era sott’acqua. Questo, complici i venti e il clima di quelle zone, avrebbe mantenuto il cadavere. “Era un velista molto esperto, non credo che avrebbe navigato in una tempesta e penso anche che l’albero si sia rotto dopo che Manfred era già morto”, il commento alla Bild di un conoscente, anch’egli navigatore esperto. Fritz si era separato dalla moglie nel 2008, la donna è poi morta di cancro.

(continua dopo la foto)


Si aspettano i risultati dell’autopsia e le indagini degli investigatori filippini. Nessuna persona sembra essere entrata mai nello yatch oltre a lui.

 

Aperto il sarcofago, dopo 2500 anni la mummia di un 14enne rivede la luce…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it