“Molestate dallo stesso prete”. Confessione choc, il dramma di 4 sorelle. Dove è successo


Continua la querelle che rischia di scuotere, con un terremoto senza precedenti, la Santa Sede. Dopo le accuse lanciate contro Papa Francesco e numerosi alti prelati per la presunta copertura degli abusi sessuali compiuti dall’arcivescovo Theodore McCarrick, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò lancia un nuovo attacco al Pontefice e alla Santa Sede. Per farlo, sceglie il sito conservatore Lifesitenews, al quale rivela i dettagli relativi all’incontro del 2015 negli Usa tra Papa Francesco e Kim Davis, l’impiegata pubblica del Kentucky che divenne un’icona di certi ambienti conservatori per essersi rifiutata di rilasciare licenze matrimoniali a coppie dello stesso sesso. Per quel suo rifiuto, la Davis trascorse cinque giorni in carcere per non avere obbedito ad un ordine del tribunale che le intimava di rilasciare le licenze, sostenendo che ciò andava contro le sue convinzioni religiose. (Continua a leggere dopo la foto)






E a proposito di abusi sessuali una tragica storia arriva direttamente dagli Stati Uniti. Quattro sorelle della Pennsylvania negli Usa hanno affermato di essere state tutte vittime di abusi sessuali da parte dello stesso prete cattolico, una delle quali afferma che le azioni spregevoli sono iniziate quando lei era piccola. Le sorelle Fortney – Patty, Lara, Teresa, Carolyn – hanno raccontato di essere state abusate nella centro città di Enhaut all’inizio degli anni ’80. Ma solo adesso, trentanni più tardi, le quattro donne hanno trovato il coraggio di vuotare il sacco. (Continua a leggere dopo la foto)






Carolyn ha rivelato che non aveva nemmeno 2 anni quando iniziò l’abuso da parte del prete cattolico. “Non me ne sono reso conto fino all’età di 12 anni. Stavo guardando un film con un prete che molestava chierichetti e in quel preciso momento ho collegato cosa mi fosse avvenuto” ha detto al CBS Evening News, in un’intervista trasmessa giovedì sera. Le sorelle Fortney avevano ammirazione per Augustine Giella e non vedevano la sua gentilezza come qualcosa di scabroso:”Ci ha comprato vestiti, ci ha comprato giocattoli. Tutto ciò che volevamo”, ha detto Teresa Fortney-Miller. Patty Fortney-Julius, invece, ha spiegato che aveva 13 anni quando padre Giella la molestò di fronte alle sue sorelle. “Mi abbracciava costantemente di fronte a loro, baciandomi, cercando di mettermi la lingua in bocca. Mi ripetevo continuamente: ‘È il mio prete. È il mediatore tra Dio e l’uomo. Va bene’.”. (Continua a leggere dopo la foto)




 

Secondo le sorelle il prete avrebbe persino toccato le ragazze di fronte ai loro genitori: “Anche al tavolo della nostra cucina, di fronte al volto dei miei genitori che non potevano vedere”, ha aggiunto Lara Fortney-McKeever al CBS Evening News. Padre Giella fu trovato in possesso di immagini pornografiche – tra cui alcune della sorella Carolyn, – venne arrestato e accusato di possesso di pornografia infantile e violenza sessuale prima di morire nel 1993 all’età di 72 anni in attesa di processo.

Leggi anche:

“L’ho violentata e poi…”. Confessione choc del pedofilo sulla 14enne. Orrore vero, senza parole

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it