“Una figlia misteriosa”. Imbarazzo a Corte, la ‘bomba’ clamorosa su Lady Diana. Sarah e la paura di William: non è il primogenito? Può succedere di tutto


Nel 1981 Diana Spencer, figlia di un’antica famiglia aristocratica inglese, si era sposata con il principe Carlo, erede al trono britannico. Lei aveva vent’anni; lui, 32. Fu un matrimonio infelice fin dall’inizio: come scrive la sua biografa, Tina Brown, in Lady Diana Chronicles, il tradizionale ‘e vissero felici e contenti’ andrebbe sostituito con ‘e andò tutto male’. La storia della principessa del Galles fu, fin dal primo minuto, di attenzione mediatica: Lady D fu una donna che imparò rapidamente a cavarsela con i media, con una formazione modesta e che si considerava poco intelligente, ma che era traboccante di intelligenza emotiva, con grandi capacità di empatia e di comunicazione. Una ‘regina dei cuori’  come la definì, dopo la morte, il primo ministro Tony Blair. Oggi Diana sarebbe nonna di tre splendidi nipotini (George, Charlotte e Louis) nati dalla relazione del primogenito, William, con Kate Middleton. E probabilmente ‘spingerebbe’ l’ex attrice di Suits, Meghan Markle, a donare un primogenito al secondo figlio di Diana, il principe Harry. (Continua a leggere dopo la foto)







Il mistero della morte di Diana Spencer torna in auge ogni qualvolta ci si avvicina al fatidico anniversario. Il 31 agosto 1997 Diana, a 36 anni, un mese e 29 giorni, rimase vittima di un incidente automobilistico sotto il tunnel del Pont de l’Alma a Parigi, insieme con il suo compagno Dodi Al-Fayed, quando la loro Mercedes, guidata dall’autista Henri Paul, si infranse contro il tredicesimo pilastro della galleria. Ancora oggi, alla vigilia del ventunesimo anniversario, restano dubbi sulle cause dell’incidente: per molto tempo si è parlato di complotti e verità nascoste, parlando della possibilità che la madre del principe William e del principe Harry possa esser stata vittima di un assassinio organizzato dai servizi segreti britannici in quanto con la sua figura e il divorzio dal principe Carlo (secondo alcune rivelazioni sul matrimonio, lui non l’avrebbe mai amata) avrebbe messo in pericolo la stabilità della corona britannica. Ma non è l’unico mistero su Lady D… (Continua a leggere dopo la foto)






Spunta una figlia segreta di Lady D. Dal corpo di Diana Spencer, stando ai documenti postumi conservati da Pinker e rilanciati dal settimanale ‘Novella 2000’, sarebbero stati prelevati due ovuli fecondati col seme di Carlo. L’esperimento ebbe successo poiché gli ovuli divennero embrioni: soddisfatta, Elisabetta II diede il via libera alle nozze. Tuttavia, nonostante il ginecologo avesse ordinato ad un assistente di sbarazzarsi dei risultati dell’esperimento, l’uomo non lo fece e li impiantò nel corpo di sua moglie. Nel settembre del 1981, a distanza di soli nove mesi dalla nascita del principe William, la bambina di Diana venne alla luce nel New England: Sarah – questo il suo nome presunto – sarebbe nata dunque da madre surrogata, la compagna dell’assistente di Sir Pinket, dopo l’inseminazione di cui avrebbe avuto notizia persino una delle donne più vicine alla Regina, Lady Elsa Bowker. (Continua a leggere dopo la foto)




 

La voce dell’esistenza di Sarah risale al 2014 ma è stata rilanciata in quest’ultime ore. Se la notizia fosse confermata un giorno da Buckingham Palace si rischierebbe di aprire un caso senza precedenti perché sarebbe lei, la figlia segreta di Lady D, la legittima erede al trono. Già nel 2014, però, la Regina Elisabetta II diede ‘mandato’ di insabbiare ogni cosa col discredito delle fonti principali. Pare, però, che William e Kate abbiano raggiunto Sarah negli Stati Uniti per una visita di circa un’ora: in qualità di primogenita potrebbe avanzare legittime pretese al trono d’Inghilterra. William, però, pare sia riuscito a dissuadere la presunta sorella dal combattere per ciò che potrebbe spettarle.

Leggi anche:

“Non ne aveva idea”. Lady Diana, l’abito da sposa è passato alla storia. Ma c’è un giallo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it