Vince una bella vacanza grazie a questa foto, ma da quel momento gliene succedono di tutti i colori: ecco la triste vicenda di questo ragazzo e di quel povero animale


Quella che vi stiamo per raccontare è una storia, ancora non conclusa, di pura e umana follia. Può un selfie creare così tanti problemi? Evidentemente sì. Il ragazzo in foto si chiama David Bellis ed è un 31enne gallese di Prestatyn, che ha vinto una vacanza del valore di 2000 sterline grazie ad un concorso indetto dall’agenzia di viaggi Thomson’s Holidays in occasione del Blue Monday. Nel giorno più triste dell’anno, chiunque, poteva mandare foto sorridenti e la migliore si sarebbe assicurata il ricco buono da spendere in viaggi. Lui allora ha deciso di prendere il figlio e farsi una foto sorridente di fronte a un cavallo, che, per qualche strana ragione ha mostrato i denti quasi come fosse un sorriso. Inutile dire che David ha vinto quasi immediatamente il premio.

(continua dopo la foto)








I problemi sono sorti quando la figlia del proprietario dell’animale ha scoperto della vincita. In un primo momento, la ragazza pensava che il bottino fosse in denaro e ha deciso di contattare David su Facebook, chiedendogli una percentuale dal momento che il cavallo, una femmina di nome Betty, era stato fotografato senza il consenso dei legittimi proprietari e poiché era stata lei stessa ad insegnarle a ghignare e a muovere la lingua di fuori. Alle richieste della ragazza si sono poi aggiunte quelle di parenti e amici della famiglia Mitchell e David, da molti insultato, ha invano tentato di spiegare che la foto era stata scattata in un luogo pubblico e che la vincita era una vacanza, non un premio ‘cash’. Non contenti, i Mitchell hanno annunciato che si rivolgeranno direttamente alla Thomson’s per evitare che la famiglia di David possa godersi l’intero premio. Non vi sembra una follia tutto ciò? A noi sì.

Ti potrebbe anche interessare: “Ci dispiace per te”. Le hanno assegnato il premio di “più brutta della scuola”. Ma lei non si è arresa e si è presa la sua rivincita (tra gli applausi del web)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it