Lui, che è un senzatetto, entra in un locale per mangiare un panino. Ma mai e poi mai si sarebbe aspettato che quel giorno la sua vita sarebbe cambiata per sempre. Ecco cosa è successo


 

Strano il destino. La prova sta in questa storia a lieto fine che stiamo per raccontarvi, quella di Shoshannah Hensley e di suo padre Brian Eugene. Come si legge su TgCom, lei ha 23 anni ed è di Post Falls, nell’Idaho, e lo cercava da 20 anni. Lui, nel frattempo, era diventato un clochard e per mesi aveva vagato di fronte al fast food dove lavora Shoshannah ma solo domenica scorsa è entrato dentro per mangiare qualcosa e lei, che stava alla cassa, lo ha riconosciuto.

(Continua a leggere dopo la foto)







Era solo una bambina quando il padre se ne era andato di casa. Negli anni aveva provato a cercarlo, ma sembrava fosse svanito nel nulla. E invece Brian Eugene era diventato un senzatetto. Quando l’altro giorno, però, è entrato nel locale per prendere un panino per pagare ha usato la tessera che il welfare americano mette a disposizione dei bisognosi, pochi dollari al mese per mangiare. Ma non poteva certo sapere che stava consegnando quella tessera nelle mani di sua figlia che, quando ha letto il nome sulla card, ha avuto un sussulto e, con le lacrime agli occhi, ha chiesto a quell’uomo il suo secondo nome. ”Eugene”, ha risposto lui e così ha avuto la certezza che si trattava proprio di suo padre. La storia di Shoshannah e Brian Eugene ha fatto il giro delle tv locali e nazionali e, grazie al potere della rete, è arrivata in tutto il mondo. Ora cercheranno di recuperare il tempo perso e per prima cosa la ragazza ha deciso di togliere il padre dalla strada: vivranno insieme.

Potrebbe anche interessarti: “Licenziatelo subito!”, guardate cosa fa questo commesso di Mc Donald’s: prima chiama un senzatetto per donargli un panino, poi l’atroce scherzo. E ora è caccia all’uomo

 

 

Today is the first step to my father’s sobriety and to becoming the father he has always wanted to be. I will keep…

Pubblicato da Shoshannah Hensley su Martedì 26 gennaio 2016

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it