Si sentiva “solo” un gran mal di testa, poi la vista annebbiata e il sonno improvviso. Quando il padre la porta al pronto soccorso la diagnosi è ben più grave: la scoperta è choc


 

Millie Carrington, 20enne inglese, è stata vittima di un forte attacco di mal di testa. La ragazza ignora i sintomi per tre giorni, pensando si tratti solo di emicrania. Ma quando si reca dal medico, la scoperta è choc. Siamo a Harrogate, nel Regno Unito e quello che è successo a questa ragazza probabilmente vi terrorizzerà. Millie Carrington, 20enne inglese, è stata vittima di un forte attacco di mal di testa. La ragazza ignora i sintomi per tre giorni, pensando si tratti solo di emicrania. Ma quando si reca dal medico, la scoperta è choc. La ragazza si sente male poco prima di andare in vacanza con la famiglia. Ma è solo in ospedale, tre giorni dopo, che scopre la verità. “Stavo lavorando – racconta la giovane – quando all’improvviso non riuscivo più a parlare bene e la mia vista si è offuscata. Non avevo idea di cosa si trattasse. Soffrivo di emicrania e ho pensato che quella fosse la causa”.

(continua dopo la foto)








Ignorando la gravità della situazione, Millie parte con i genitori per le vacanze alle Isole del Canale. Ma dopo aver trascorso diversi giorni a dormire, il padre la porta in ospedale. Come riporta il Mirror, è proprio lì che Millie scopre di aver avuto un ictus. “Per i miei genitori – continua – è stato uno choc pensare che la figlia adolescente avesse avuto un ictus. Mentre per me è stato quasi un sollievo capire cosa mi stesse succedendo”. Millie, che studia Storia dell’Arte all’Università di Edimburgo, ora è in riabilitazione. “Ho ancora problemi di linguaggio, sono molto stanca e soffro d’ansia. Ma per fortuna sono giovane e il cervello è stato in grado di recuperare. Da quando sono stata male – conclude – cerco di sensibilizzare i ragazzi sul tema dell’ictus giovanile. Ancora molto sconosciuto”.

Ti potrebbe anche interessare: “Vi racconto l’ictus di mia moglie e i medici che l’hanno salvata in cambio di una stretta di mano”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it