Amarsi tutta la vita e morire insieme. 99 anni lei, 101 lui. Cosa è successo


 

Lui aveva 22 anni lei 19. Si erano incontrati per caso e subito era stato amore. Alla vigilia della catastrofe bellica che avrebbe portato il mondo sul baratro, si erano detti sì. Era il 1939 e niente era come adesso. Un mondo così distante che sembra dimenticato in cui il ciclo della stagioni regolava ancora la vita quotidiana e le informazioni viaggiavano spesso con un francobollo attaccato. Un mondo che Eveleyn e Gilbert hanno attraversato in insieme. Ne hanno assaporato i doni e le tragedia. Le vittorie e le sconfitte. Insieme. Si perché per Evelyn e Gilbert, 99 anni lei, 101 lui, di Delmart, nello Stato di New York era già tutto scritto: nella vita e nella morte. Dopo un’intera vita trascorsa insieme – quasi 79 anni di matrimonio – e contrassegnata dal numero “2”, sono morti a due giorni di distanza l’uno dall’altra. Quando il cuore di Evelyn ha cessato di battere, tutto il senso dell’esistenza del marito è crollato e il suo cuore si è rifiutato di andare avanti. (Continua dopo la foto)



Lasciando libero Gilbert di seguire la sua donna per non restare una sola ora in più senza di lei.
Nella loro vita il numero 2 è stato una costante fino all’ultimo respiro. Gilbert Orzell Drake era nato il 10 agosto 1917, Evelyn Bennett Drake il 9 agosto 1919, esattamente due anni dopo, con i loro compleanni concentrati nell’arco di due giorni. Si erano conosciuti giovanissimi e non ci avevano messo molto a sposarsi: il 13 ottobre 1939, si dissero “sì” davanti all’altare: fu davvero un “sì” per sempre. (Continua dopo la foto)


Superata la guerra, come tutti hanno avuto problemi e momenti difficili, ma niente e nessuno è riuscito a separarli. Dopo aver attraversato insieme praticamente tutto il secolo scorso e aver vissuto l’alba degli anni Duemila, il 20 luglio Evelyn è volata via tra le lacrime dei tre figli, dei cinque nipoti e dei due bisnipoti. Due giorni dopo Gilbert l’ha raggiunta. Le loro età, sommate, davano 200 come risultato: ennesimo ricorso del “2”. Anche se per loro, in realtà, quel numero era come se non esistesse: Evelyn e Gilbert erano una sola persona, non due. (Continua dopo la foto)


 


Due corpi e una sola anima destinati adesso a vivere per sempre nell’eternità. Una storia, la loro, non unica nel mondo dove decine sono i casi del genere. Ma che nulla toglie. Che resta un modello, un esempio, una di quelle storia che vale la pena raccontare quando si smette di credere nell’amore e nella vita.

Ti potrebbe interessare: “Visto?”. Temptation Island: il clamoroso spoiler di Martina e Gianpaolo