Si fa un tatuaggio (assurdo) proprio sopra il suo organo genitale e diventa l’idolo dei suoi amici. Solo che da anni non ha rapporti con una ragazza


La moda dei tattoo non ha confini né limiti, verrebbe da dire. E, anche se ai gusti non si comanda, un limite ci dovrebbe essere, nel rispetto della libertà di ognuno ma anche del buon gusto. Se ne vedono tanti di disegni, la vecchia passione per i piccoli tribali ha laciato il suo posto a composizioni grafiche enormi e colorate. E anche il ‘dove’ sta cambiando rispetto a qualche anno fa. Eravamo abituati a vedere tatuaggi sulle braccia, sulla schiena, spesso sui polpacci.

Poi la fantasia e il volersi distinguere ci ha messo del suo e si è arrivati alle… parti bassi. Cosa non si fa per apparire! Beh, non andatelo a dire a Lewis Flint, 21 anni che, 5 anni fa, fece una scelta azzardata che, però, agli occhi degli amici, lo fece apparire come un eroe. Ora, però, paga le conseguenze della sua scelta strampalata. O forse sarebbe il caso di dire la verità: scelta sbagliata. (Continua a leggere dopo video e foto)






Sì, perché Lewis ha avuto la brillante idea di tatuarsi, proprio sopra il suo organo genitale, un Henry. E sarebbe? Che sarebbe il celebre modello di aspirapolvere creato da Hoover. Non solo: l’aspirapolvere in questione è dotato anche di filo e spina che circondano le natiche. Se con questo tatuaggio, 5 anni fa, Lewis ha conquistato la stima degli amici, ora ha dei problemi, come ha confessato lui stesso a Channel 4. (continua dopo le foto)








 

“Stavo con una ragazza, quando mi sono tolto le mutande lei mi ha detto: ‘E quello che cos’è?’. Da quel momento, non ha mai più voluto vedermi”. Sì, ora è pentito e vorrebbe tornare indietro ma ‘’Cancellare il tatuaggio con il laser sarebbe troppo doloroso, credo che dovrò abituarmi a conviverci’’, ha detto. Della serie: forse, in questo caso, meglio un rimpianto, che un rimorso. No?!

”Volete vedere Pinocchio?”, 22enne mostra il tatuaggio hot sull’aereo. Per lui punizione choc…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it