Salta l’esame e fa 270 chilometri in bicicletta a 14 anni. Il motivo ha emozionato tutti. Protagonista un ragazzino italiano


 

A leggerla questa storia quasi non ci si crede. E non si sa come reagire: sgridare il ragazzino e dirgliene di tutti i colori per la follia commessa, oppure fare un sorriso proprio perché questa follia è così tanto eccezionale e romantica che al giorno d’oggi quasi più nessuno riuscirebbe a crederla possibile? Quando si dice che l’amore vero è solo a quell’età… Beh, ovviamente l’amore è vero ogni volta che lo si sente forte dentro al cuore, ma non neghiamolo: certe emozioni, così totalizzanti e trascinanti, si vivono solo in quegli anni lì, nel bel mezzo dell’adolescenza. Nell’esuberanza del cuore. Un cuore così esuberante che azzera la ragione e ti spinge ad annullare ogni priorità per mettere al centro della tua vita la sola cosa che in quel momento reputi la più importante: l’amore stesso. E così quel mattino del 15 giugno Luca (nome di fantasia, ndr), 14 anni, non ci ha pensato un attimo. Inforcata la sua bici, non si è fatto vedere alle scuole medie di Selvazzano, nella cintura urbana di Padova, dove lo aspettavano amici e professori per la prova di matematica degli esami di terza media. (Continua a leggere dopo la foto)



La personale bussola del quattordicenne infatti puntava dritta a Pontremoli, provincia di Massa Carrara, a più di 270 chilometri di distanza da casa. Perché lì, nelle colline della Lunigiana, c’era la ragazza che lui voleva conoscere a tutti i costi e da cui si era deciso di andare. In bicicletta. Con buona pace della distanza tra la provincia padovana e quella di Massa Carrara. Vi rendete conto? Saltare l’esame di terza media, prendere la bicicletta e fare 270 chilometri solo per andare da lei… (Continua a leggere dopo la foto)


Una fuga d’amore d’altri tempi che mischia avventura e romanticismo, conditi dall’incoscienza dell’età. Una storia a lieto fine anche perché la fuga solitaria di Luca, votato – come fosse un ciclista – all’impresa in una tappa del Giro d’Italia, non è andata in porto. A una sessantina di chilometri dal traguardo, nell’abitato di Berceto, in provincia di Parma, il novello Romeo ha dovuto fare i conti con la stanchezza, il freddo e la fame. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Per quello la sua corsa è finita al alle 23.30 al bar Da Romano di Berceto dove è stato soccorso e contattati i familiari. Insomma, ci si aspettava il lieto fine, Luca ha fatto male i calcoli. È vero che l’amore può tutto, ma insomma, il fisico più di tanto non regge, soprattutto per uno sforzo così estremo in piena estate sotto il sole. Quel che è certo, però, è che la sua storia l’amata donzella è venuta comunque a saperla. Quindi ora… Si attendono nuovi sviluppi. Auguri Luca: ma l’esame cerca di recuperalo. Sale in zucca e vertigini nel cuore.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Amore, ti ho ordinato la cena”. Un gesto carino, ma poi tra loro finisce malissimo. Ecco che è successo