Ricordate il fatto tragicomico di Capodanno? Durante un funerale un’auto si schianta sul corteo, la bara si apre e il defunto finisce a terra. Non è finita qui: ecco il resto della storia


 

La notizia più strana di inizio anno è arrivata da Mercato San Severino, un paese in provincia di Salerno. Proprio nel giorno di Capodanno era in svolgimento un funerale. Come ha raccontato il quotidiano locale online ‘Ottopagine’, un automobilista, poi risultato con tasso alcolemico superiore al consentito, ha perso il controllo della sua auto finendo contro un corteo funebre. Nell’incidente la sua vettura ha urtato la moglie del defunto e i quattro cari che portavano la bara, facendola cadere per terra e aprire.

A quel punto il defunto, un ex dipendente della polizia di Stato, è finito a terra davanti agli sguardi attoniti di tutti i presenti. Di quelle scene davanti alle quali non è facile capire come comportarsi e che, innanzitutto, richiedono prontezza per garantire decoro alla salma ed evitare panico nei familiari più stretti. Di sicuro, però, un brutto Capodanno anche per l’automobilista che, risultato positivo all’alcol test, è stato infatti immediatamente arrestato dalla polizia che peraltro, visto il lavoro del defunto, era presente al funerale. Ma non è finita qui perché da quel momento in molti hanno cominciato a chiamare la dea bendata.

Come informa la stessa testata, si è scatenata una vera e propria corsa al lotto per giocare la quaterna vincente. Ecco i numeri più giocati: 4-14-27-90. Al numero 4 corrisponde la bara, al 14 l’ubriaco, al 27 il funerale maschile e al 90 la paura. E il risultato? Da non crederci ne sono usciti tre di quei quattro numeri: precisamente, sulla ruota di Roma il 4, 14 e 27. Non solo: tra i 20 numeri del 10 e Lotto sono usciti il 4, il 27 e il 90. E per gli increduli, ecco il link al sito ufficiale di Lottomatica, estrazione del 2 gennaio. Nulla accade per caso, direbbe qualcuno…



(foto da Ottopagine.it)

Era al bar a bere con gli amici quando è crollato a terra per un malore. “È morto!”. Arrivati in obitorio, tra lacrime e disperazione, ecco l’incredibile scoperta… Una storia davvero assurda che sta girando il mondo