“-70 kg!”. Ma che ti è successo? Chef pluristellato e famoso per le sue forme morbide in 3 anni ha radicalmente cambiato il suo aspetto. E ora spiega a tutti il suo segreto


 

Dieta iperproteica, detox o ipercalorica? Prima dell’estate tutti cercano di correre ai ripari per tornare in forma nel minor tempo possibile. Ci si affida a qualsiasi rimedio pur di dimagrire, si ascoltano consigli di persone inesperte o si confida in siti online. Ma è bene ricordare che 9 diete su 10 sono ‘last minute’: aggressive fin da subito per ottenere risultati immediati e seguite dal cosiddetto mantenimento, che risulta sempre difficile, se non impossibile. La maggior parte di queste si fondano su percorsi iperproteici come quelli previsti dalla celebre Dieta Dukan, che provocano un veloce dimagrimento, e un vistoso aumento di peso appena si sospende”. I dietisti italiani mettono in guardia sui rischi delle diete sbilanciate, molto diffuse in primavera. Poi c’è Tom Kerridge è il noto chef inglese che guida il pub due stelle Michelin “The Hand and Flowers”. Dopo aver toccato la soglia dei 190 chili ha deciso di dare un taglio alle pessime abitudini alimentari. Come? Per diverso tempo ha cercato una formula adatta. Poi l’ha trovata in una dieta a di “eroi della dopamina”. (Continua dopo la foto)







I risultati sono da non credere: in tre anni ha perso 70 chili. La raccolta di ricette dello chef, scrive il Giornale, sta spopolando in Inghilterra e ora è pronta a sbarcare in Italia col nome di La miracolosa dieta della dopamina, pubblicato da Newton Compton Editori con la traduzione di Chiara Beltrami. Ogni ricetta creata dello chef è a base di di ingredienti che rilasciano nel cervello il cosiddetto “ormone della felicità”, ovvero la dopamina. Gli eroi della dopamina di cui parla Kerridge sono gli alimenti che permettono grazie a un amminoacido chiamato tirosina scomporre ed estrarre la dopamina. (Continua dopo le foto)





 


E quali sarebbero? Secondo lo chef sono formaggi, le uova. Poi il pesce, la frutta (anche quella con il guscio), la carne, le verdure a foglia scura, le spezie, i peperoncini (capaci di procurare un piacevole senso di appagamento grazie alle endorfine) e persino il cioccolato. Non credete però di non fare rinunce: il ricettario dice no a pane, patate, pasta e riso. Gli studi di migliore qualità dimostrano che l’intervento più efficace è quello che aiuta ad adottare comportamenti alimentari e di vita salutari e stabili nel tempo e si basa su strategie di sostegno al cambiamento. Insomma, consapevolezza più che imposizioni. Tom insegna,

Ti potrebbe interessare: Oggi è irriconoscibile. Guarda le foto del matrimonio, resta sconvolta e piange a dirotto: così si mette a dieta, ma accade una terribile tragedia. Lei non molla è ora la sua vita è completamente diversa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it