Torino: “Intervento storico”, bimbi salvati. Avevano ingerito soda caustica, poi la disperata corsa in ospedale e il vero e proprio colpo di genio dell’équipe medica: “Non era mai stata fatta una cosa simile su corpi così piccoli”. Un orgoglio tutto italiano


 

Questa è una di quelle storie che fanno bene, soprattutto perché viene dall’Italia ed esalta la sanità pubblica. Un innovativo intervento ha salvato la vita a due fratellini di 4 e 5 anni, che per errore avevano bevuto soda caustica procurandosi una grave esofagite. Il tutto è stato eseguito alla Città della Salute di Torino. Per la prima volta su pazienti così piccoli e debilitati si è proceduto alla rimozione dell’esofago malato rimpiazzandolo con lo stomaco rimodellato a tubo e spostato all’altezza del collo. L’intervento tra fine 2017 e inizio 2018 è riuscito e l’ultimo controllo, ieri, ha stabilito che i bambini stanno bene e possono nutrirsi per bocca. L’eccezionale intervento è stato eseguito dall’equipe del professor Renato Romagnoli della Chirurgia Generale 2 universitaria della Città della Salute di Torino diretta dal professor Mauro Salizzoni. (Continua a leggere dopo la foto)



L’operazione ha così messo fine ad un calvario di circa un anno, il tempo necessario a stabilizzare i fenomeni infiammatori degli organi vitali intorno all’esofago. Seguiti sin dall’inizio dall’equipe dei gastroenterologi pediatri guidati dal dottor Pier Luigi Calvo, i due bambini si alimentavano solo attraverso una sonda. L’infiammazione aveva chiuso l’esofago dei due fratellini, che non potevano quindi mangiare per bocca ed erano obbligati a una nutrizione artificiale in vena. (Continua a leggere dopo le foto)



 

Il decorso postoperatorio in Terapia intensiva e in Chirurgia ad alta intensità dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino è stato privo di complicazioni. La loro aspettativa di vita e la qualità della stessa – sottolineano i sanitari – sono ora pari a quelle degli individui della loro età. Intanto è importante ricordare a tutti i genitori quanto sia importante tenere la massima attenzione per evitare che i bambini ingeriscano sostanze così pericolose.

 

Ti potrebbe interessare anche: Moto contro auto. Muore a 24 anni. Per lunghe e interminabili ore ha lottato in ospedale. Il cordoglio degli amici: “Ci hai spezzato il cuore”