“Ha la pancia come un pallone”. Uno choc impossibile da accettare. Sloan è appena nata, ma le sue condizioni da buone diventano presto gravissime. I genitori sono disperati: “Ci hanno detto che morirà…”. Poi arriva quella ulteriore notizia e la loro vita cambia per sempre


 

Immaginate la felicità di una giovane coppia che cerca un figlio: l’emozione, l’attesa e poi l test di gravidanza positivo. Per Sarah e Chris St. James quella notizia li aveva portati all’estasi, presto avrebbero avuto una bambina. La gravidanza era andata bene, ogni controllo dava responso positivo, poi arriva il giorno del parto e tutto va nella norma. Come tutti i genitori, erano contenti che la loro Sloan fosse nata senza grandi complicazioni, ma dopo averla portata a casa, si Sarah e Chris si sono resi conto che qualcosa non andava. La piccola era nata in buona salute, ma quando aveva circa 2 mesi, i suoi genitori si accorsero che aveva un aspetto strano, era itterica e il suo pancino era eccessivamente gonfio. La bimba mangiava normalmente, ma i genitori vedendo l’addome crescere in modo anomalo, si sono subito preoccupati. Visto che si erano particolarmente allarmati, i due neogenitori invece di portare Sloan dal pediatra, hanno deciso di portarle in ospedale per il controllo dei 4 mesi. Qui il medico comunicò alla coppia qualcosa che non avrebbero mai voluto sentire. (continua dopo la foto)



Nessun genitore si rassegna davanti una brutta notizia e non lo avrebbero fatto nemmeno quelli della piccola Sloan. Quando Sarah e Christ si sono recati la prima volta al Boston Children’s Hospital, si aspettavano di sentire che la crescita della pancia della bambina, rientrasse nella normalità. Invece i dottori hanno diagnosticato alla bimba una rara malattia epatica nota con il nome di atresia biliare, la quale blocca o causa danni al dotto biliare. A questo punto la vita della neonata era appesa a un filo. “Avevamo portato Sloan in ospedale per essere rassicurati – racconta la mamma – e invece è stato devastante… ”. a quel punto quel bellissimo sogno si è trasformato in una terribile e triste realtà. Scoraggiati da questa bruttissima notizia, Chris e Sarah hanno riportato la loro figlioletta a casa, ma già dopo una settimana sono dovuti correre di nuovo in ospedale. L’unica cosa che poteva salvare la vita della bambina, era un trapianto di fegato urgente. (continua dopo le foto)



   

 


Nessuno dei due genitori era compatibile, quindi cercarono disperatamente un donatore. Un carissimo amico della coppia, Jake Tenney, a quel punto ha messo una richiesta di aiuto sui suoi social network e un uomo rispose subito all’appello: suo fratello. Il fratello di Jake, tenente Steve Tenney, è un veterano dell’esercito degli Stati Uniti e ha lavorato con il dipartimento di polizia di Keene nel New Hampshire. A 40 anni, era in buona forma fisica, non aveva avuto bisogno di vedere il medico per più di un decennio e non aveva mai passato la notte in un ospedale, fino ad ora. Dopo aver espletato tutti i test del caso su Steve, i medici hanno effettuato immediatamente l’intervento. Steve non conosceva nemmeno la piccola bambina la cui vita stava per salvare. “Mi ero consultato con mia moglie ed era stato semplice decidere: se si può salvare la vita di un bambino di 4 mesi, bisogna farlo e subito”. Oggi sia Steve che Sloan godono di ottima salute e sono legati per la vita.

Ti potrebbe interessare anche: “Gli ha mangiato la carne”. “Vi racconto come è morto mia figlio”. Il dramma di una madre che ha visto morire così il proprio piccolo di appena 8 anni: “Tutto è iniziato quando è caduto dalla bici, una cosa da niente…”, poi l’impensabile. Choc in tutto il mondo