Sembra un ragazzo come un altro, in realtà è una persona più unica che rara. Il motivo? E’ in mezzo alla sua pancia e appena lo scoprirete, siamo sicuri, rimarrete senza parole (ha a che fare con il suo cuore)


 

Siamo a 40 km da Ahmedabad, nello stato di Gujarat, in India e quella che vi stiamo per raccontare è una storia più unica che rara. Il protagonista si chiama Arpit Gohil ed è un ragazzo “miracolato” di appena 18 anni. Miracolato perché è nato con una disfunzione gravissima di cui se ne conoscono solo altri 165 casi, denominata Pentalogy of Cantrell, o meglio conosciuta con nome di “ectopia cordis”. Una strana patologia che fa nascere il cuore in un punto “sbagliato” del corpo umano, a volte “esterno”.

(continua dopo la foto)








Invece di essere sotto il petto nella parte sinistra, lo ritroviamo sotto il diaframma, quindi al centro tra la fine dello sterno e l’inizio della pancia. Una situazione talmente anomala da spingere i medici ad avvertire i genitori delle scarse probabilità di sopravvivenza del piccolo che, invece, ha passato un’infanzia tutto sommato normale e felice. Unico cruccio è la paura costante di morire per un semplice colpo, intenzionalmente inferto o incidentale, alla base dello sterno.

(continua dopo la foto)





Eh sì, perché il cuore è proprio lì, separato dal mondo esterno da un sottile strato di pelle. Ora Arpit vive una vita tranquilla, è un agricoltore insieme al fratello, vivono a 1 ora circa dalla città e lui lavora sempre arrampicandosi tra gli alberi e guidando il trattore. Una persona del tutto normale, se non fosse che proprio sotto la camicia si può vedere battere il suo giovane cuore. Per ragioni di sensibilità non pubblichiamo il video, se volete guardarlo potete cliccare su questo link.

Ti potrebbe anche interessare: “Io e il cancro, è giusto che vi racconti come sto”. Il frontman degli Jarabe De Palo racconta la sua malattia: apre il cuore in una una lettera emozionante indirizzata a tutti i fan


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it