Il marito la costringe a prostituirsi per guadagnare 7mila euro al mese: 2.700 rapporti con uomini diversi e con le richieste (squallide e perverse) più assurde da parte dei clienti. Poi la moglie si ribella e il suo diventa un caso. Perché, intanto, l’or


 

Con l’accusa di sfruttamento della prostituzione un 54enne, riferisce il ‘DailyMail’, è finito sotto processo in Francia. Per quattro lunghi anni ha obbligato la moglie ad avere rapporti sessuali con oltre 2700 uomini nel loro appartamento a Meaux, a Nord di Parigi, intascando circa 7000 euro al mese. L’uomo accoglieva i clienti in casa con la moglie, 46 anni, poi, mentre si consumavano i rapporti, aspettava fuori in auto con il figlio di 5 anni.

(continua dopo la foto)



Per organizzare gli incontri il 54enne, sposato con la donna da 10 anni, pare si sia servito di quattro siti internet. Per il procuratore della corte cittadina “avrebbe esercitato un potere psicologico sulla moglie, impedendole di sottrarsi alle richieste sessuali dei clienti che erano a volte molto pesanti”. L’uomo è stato arrestato e rilasciato su cauzione. Ora dovrà affrontare un processo. Un caso controverso secondo molti.

Ti potrebbe anche interessare: Anche in Italia cresce il fenomeno della prostituzione “low cost”: chi sono e come vivono le nuove schiave del sesso offerte a prezzi bassi