La mamma è convinta che questo bambino di appena 12 anni sia posseduto dal demonio: “Non parla e si comporta come un animale”. Ma quello che fa per ‘risolvere’ il problema lascia tutti di stucco: e naturalmente il mondo si indigna


 

Si può incatenare un ragazzo di 12 anni costringendolo per 3 giorni a dormire in una chiesa perché la madre è convinto che sia posseduto dal diavolo? Evidentemente sì. Siamo in Perù, più precisamente a Tarapoto e la mamma in questione si chiama Deisith Tapullima Sangama. “Non parla e si comporta come un animale, deve essere la mano del diavolo”, ha detto la donna alle telecamere accorse subito sul posto una volta fuoriuscita la notizia.

(continua dopo il video)

Nessuno ha pensato di dire alla madre che esistono anche tante vie di mezzo tra “lo stare bene” e l’essere “posseduti dal demonio”, che sia una malattia mentale, una forma di autismo, in quella chiesa non importa. La cosa curiosa di tutta questa storia è l’epilogo. Dopo 3 giorni di catena il ragazzo ha detto qualche parola e ha mangiato. Forse stufo della situazione, è riuscito a comprendere l’unica via di fuga possibile, dare a queste persone quello che volevano: un miracolo.

Ti potrebbe anche interessare: “È posseduto dal demonio”. Lo lasciano senza cibo per 25 giorni, il bimbo muore. Ma poi…