Era considerata una mamma simbolo, poi si scopre che è un mostro. La sua bimba di 9 anni sempre malata, cure e ricoveri ma non migliora. Poi la scoperta choc: ecco cosa le iniettava per far parlare di sé


 

Un caso limite, sicuramente, quello raccontato dal tabloid britannico Metro. Ma non isolato, tanto da prendere il nome di “sindrome di Munchausen”, un disturbo psichiatrico per cui le madri fanno ammalare i figli al fine di attirare l’attenzione su di sé. Ed è il caso ricontrato in una mamma australiana, nota blogger sui temi della famiglia nel suo paese. La donna è stata arrestata con l’accusa di aver iniettato urina nelle vene della figlia di 9 anni.

Secondo quanto riporta Metro, la bimba stava sempre male ed era soggetta a frequenti ricoveri ospedalieri. Le sue condizioni, però, si aggravavano anziché migliorare e i medici, dopo analisi più approfondite, hanno scoperto la presenza di una grave infezione oltre a un lievito e un fungo nelle cannule intravenose. Oltretutto, la bambina era debilitata dall’abuso di lassativi. Poi, dopo l’allaerta scattato anche a livello giudiziario, l’installazione di telecamere ha permesso di incastrare la madre, che è stata arrestata.

”Non ho mai fatto sesso”, la madre la sottopone alla macchina della verità e finisce davvero male








Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it