Ha una semplice tonsillite e, per curarlo, i genitori gli danno un antibiotico. Ma, su questo bimbo di 6 anni, il farmaco ha degli effetti devastanti. E si riduce così…


 

Rischiare la vita per una reazione ai farmaci. È success al piccolo Declan Bitmead-Ellis, un bimbo di sei anni che, per colpa di una tonsillite, stava seguendo da sei mesi un ciclo di antibiotici. Inizialmente il bambino sembrava rispondere bene alla terapia, poi ha iniziato a ricoprirsi di dolorose veschiche su tutto il corpo e negli occhi, quasi stesse bruciando dall’interno. «È stato orrendo», racconta la mamma al quotidiano Metro, «non capivamo come poteva essere successo, abbiamo avuto veramente paura di perderlo». Si trattava di un fenomeno chiamato necrolisi epidermica tossica. Trasportato in terapia intensiva e sottoposto a cure specifiche, il bambino sembra ora essere fuori pericolo e sta molto meglio. Deve ancora prestare particolare attenzione agli occhi: avere trattamenti particolari e indossare occhiali da sole sempre, ma i medici sono ottimisti.



Ti potrebbe interessare anche: Batteri resistenti agli antibiotici, scatta l’allarme: “Si rischiano 80 mila morti”