Corre incontro alla zia che non vede da tempo e, nella foga dell’abbraccio, le rompe un polso. Lei però non prende bene ciò che le fa il nipotino di 8 anni e fa un gesto assurdo che il web (e non solo) non le perdona


 

Ha chiesto 127mila dollari di risarcimento al nipote che, in uno slancio di affetto troppo prorompente, nel 2011 le ha causato la rottura del polso. Jennifer Connell ritiene che Sean Tarala, che all’epoca aveva otto anni, sia stato decisamente disattento e imprudente nel momento in cui le corse incontro tuffandosi tra le sue braccia per salutarla al suo arrivo nel giardino di casa. Quando il 18 marzo 2011 la donna si presentò a casa di suo nipote, che compiva gli anni, lo trovò in giardino mentre stava giocando con la sua mini-motocicletta.

(Continua a leggere dopo la foto)



Il bimbo, all’arrivo della parente, lasciò il giocattolo per correrle incontro e tuffarsi tra le sue braccia gridandole ”Zia ti amo”. La donna, al momento dell’abbraccio, perse l’equilibrio e cadendo si fratturò un polso. Decise quindi di chiamare in causa il suo nipotino per ottenere un congruo risarcimento.

Il bambino, adesso dodicenne, si è presentato in aula molto intimidito, accompagnato dal padre. Sean, tra l’altro, ha recentemente perso la mamma a causa di una grave malattia. La zia in aula ha spiegato che da quel giorno la sua vita è cambiata radicalmente: ”Riesco a malapena, e con molta fatica, a portare il piattino degli antipasti. Non posso più lavorare come cameriera, per questo ho deciso di citare in giudizio Sean anche se gli voglio molto bene”. ha detto durante l’udienza.

Dirty dancing, la scena più bella del film venne girata nelle acque di Mountain Lake. Oggi la notizia choc (che farà intristire parecchi fan)