“Tesori miei… è un maschietto!”. Aspettano il secondo figlio e nessuna gioia potrebbe essere più grande. Ma Katy una mattina si sveglia e quello che trova tra le sue gambe è terribile. I medici sono atterriti: quello che è capitato al piccolo è fenomenale


 

Katy e Rich Evans sono una coppia britannica. Vivono nell’Hertfordshire e hanno una bimba Amber. La loro è una famiglia molto felice e così hanno deciso di avere un altro bebè. Una decisone bellissima e quando la donna è rimasta incinta, la coppia era al colmo della felicità. Ma alcune volte le cose non vanno per il verso giusto e purtroppo per gli Evan è arrivata una notizia bruttissima. Katy era arrivata alla sedicesima settimana di gestazione e come di consueto era pronta per tutti gli esami di routine. Una mattina si è svegliata e si è resa conto che qualcosa di molto pericoloso stava accadendo: le si erano rotte le acque. Una cosa del genere in genere si traduce in una condanna a morte per il feto. Perso il prezioso liquido amniotico, il nascituro era praticamente indifeso. A quel punto la coppia si è precipitata in ospedale, con tutta la paura, l’ansia e l’apprensione che si possono avere in questi casi. E il loro incubo peggiore si stava realizzando. Infatti, i medici non avevano dato alla coppia alcuna speranza. Per Katy lo shock era stato doppio, dal momento che non tanto tempo prima aveva avuto un aborto spontaneo. (continua dopo la foto)

Ti potrebbe interessare: L’AMORE VINCE TUTTO. IL VIDEO VIRALE CHE SPOPOLA IN RETE…






I dottori le avevano a quel punto consigliato di interrompere la gravidanza, poiché il rischio era quello di avere una grave infezione. Ma la donna aveva rifiutato: “Desideravamo così tanto il secondo figlio. E poi potevo sentirlo dentro di me. Gli ero già affezionata”. Quel pensiero era bastato alla donna per farle prendere la decisione più importante e giusta della sua vita. Dopo due giorni in ospedale, la scelta era stata presa – non ci sarebbe stato aborto: “Sono una persona positiva di natura e mi rifiuto di rinunciare a questo bambino finché non sappiamo esattamente cosa stia succedendo”, aveva spiegato Katy ai medici. La donna era quindi tornata a casa e si era ripresentata in ospedale due settimane dopo per un controllo. (continua dopo le foto)








 


I medici durante la visita riscontrarono un fatto incredibile. La sacca amniotica si era in qualche modo riparata e c’era ancora del liquido presente. I dottori presenti non avevano visto nulla del genere prima di allora. Le speranze a quel punto si erano riaccese così in tutti quanti. Così dopo un consulto hanno deciso di proseguire almeno fino alla 24esima settimana, momento dal quale era possibile pensare a un parto prematuro. In realtà, Katy e il suo bambino sono riusciti ad arrivare alla 34esima settimana, quando si è verificata un’altra rottura delle acque. Quello che nessuno pensava possibile, si era avverato: il piccolo Leo, il “bambino dei miracoli” come lo hanno soprannominato i nonni, era nato sano e salvo. Oggi ha 4 anni e vive felice con mamma, papà e sorellina.

Ti potrebbe interessare anche: ‘’Amore, sono incinta’’. E prende un appuntamento dal ginecologo per controllare che sia tutto ok. Ma, mentre è sdraiata sul lettino e il dottore le fa l’ecografia, la gioia della coppia si trasforma in terrore. ‘’Quando ho visto la sua faccia, il mio cuore si è fermato’’. Quel che c’era nell’utero ha scioccato tutti i presenti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it