Quando i ladri gli hanno rubato tutto, compreso il materiale necessario per trovare lavoro, è entrato in depressione. Poi, però, ha avuto un’idea che gli ha cambiato la vita…


 

Si chiama Chris Sawey e a maggio di due anni fa la sua vita ha subito una svolta inaspettata. Dopo la laurea, ha iniziato a portare il suo curriculum in giro per tutto il Paese nella speranza di trovare presto lavoro in un’azienda. Poi l’imprevisto: i ladri gli hanno rubato tutto, tra cui il suo pc che conteneva il suo materiale. Preso dalla disperazione, dopo qualche giorno Chris ha rialzato la testa ed escogitato un sistema per non arrendersi che ha poi scritto su Buzzfeed per condividere la sua esperienza di vita con gli altri.

(Continua a leggere dopo la foto)



Ha vissuto per un anno in auto. ”Senza la possibilità di mostrare la mia esperienza alle aziende – scrive il giovane – , la ricerca di lavoro ha dimostrato di essere, beh… impegnativa. Ma nonostante quello che mi era successo, la vita continuava e le bollette e l’affitto continuavano ad arrivare, puntuali, a fine mese. Ero esausto e mi stava venendo la depressione”. Ma non si è lasciato abbattere e una sera ha avuto l’idea dopo aver fatto una lista dei costi mensili e quello che era davvero necessario spendere e risparmiare qualcosa per il futuro. Poi ha sgomberato la sua auto e studiato l’organizzazione dello spazio per provare a viverci temporaneamente. Le ha anche dato un nome: Hotel Prius. Certo, all’inizio non è stato facile, ”ma la verità è che, semplicemente, ci si abitua – continua a raccontare- . Avendo la possibilità di andare ovunque, potevo dire di sì a tutte le opportunità che si presentavano. Si prospetta un lavoro nel Nord-Est? Andiamoci! Non si sa mai cosa potrebbe succedere: con Hotel Prius, io ero pronto”.

La sua nuova vita in auto ha suscitato curiosità tra le persone, che gli chiedono spesso, dove, per esempio, fa la doccia: ”Nelle palestre. In ogni posto, di solito riesco a trovare una palestra da 10 – 25 dollari al mese. Lì posso anche lavorare, utilizzare la connessione wifi, e se sono fortunato, anche la piscina”. Doveva essere un esperimento di un mese e invece è durato più di un anno. Si dice felice Chris, la sua vita ora gli sembra più semplice, e della depressione non c’è più traccia.

Potrebbe anche interessarti: “Camminare sull’acqua?” Ecco la prima autostrada sul fiume: 11 km di guida mozzafiato