La baby sitter 21enne, fuori di testa, costringe il bimbo di 11 a un rapporto intimo. Ma la reazione del padre del piccolo è da choc: non la denuncia, anzi…


 

Jade Hatt è una babysitter di 21 anni accusata di aver prima molestato e poi costretto a fare sesso, un bambino di soli 11 anni: ha ammesso di essersi spogliata davanti a lui e di averlo intimato a un rapporto. La donna aveva avuto una precedente relazione con il padre del bambino, ma dopo la rottura le aveva chiesto di potergli vedere il figlio e fargli da baby sitter. Dopo aver scoperto quanto accaduto, denunciato dal bambino che ha ammesso di essere stato costretto e di non aver provato alcun piacere nell’atto, il papà ha però deciso di non procedere legalmente dicendo al figlio che questa poteva considerarla la prima di una lunga serie di esperienze.

(continua dopo la foto)



Il papà ha giustificato il gesto dicendo che la ragazza aveva avuto molti problemi nella sua infanzia ed era molto immatura per la sua età, quindi anche considerando la differenza biologica, secondo lui, mentalmente i due erano quasi coetanei. La storia però è comunque arrivata in stribunale e, secondo quanto riporta il Mirror, adesso la donna è stata condannata a sei mesi di carcere, ma per i prossimi 7 dovrà stare lontana dai minori. Chiunque essi siano…

Ti potrebbe anche interessare: Babysitter choc, prima ruba il pranzo al piccolo e poi lo picchia. Ma un video la incastra…