“Ciao a tutti”. E si è lanciato nella tromba delle scale della sua scuola. Choc a Roma dove un 13enne si è tolto la vita. Poco dopo la tragedia, quello che trovano i carabinieri sotto il suo banco lascia tutti senza parole…


 

Tragedia questa mattina in una scuola di Roma. Un ragazzo di 13 anni è morto dopo essere precipitato nella tromba delle scale dell’Istituto Santa Maria, in viale Manzoni, a Roma. Secondo le prime ricostruzioni dei fatti, intorno alle 12, il tredicenne sarebbe salito al secondo piano dell’istituto, dove si sarebbe lanciato dalla tromba delle scale, precipitando nel vuoto. Il ragazzo è stato soccorso e trasportato in codice rosso all’ospedale San Giovanni, dove è morto per le gravi lesioni riportate. Sul caso indaga la compagnia dei carabinieri Piazza Dante. La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti. Il pm Elena Neri procede per istigazione al suicidio, un’ipotesi configurata solo per permettere alla procura di svolgere accertamenti a 360 gradi sulla vicenda. In lacrime i compagni, usciti dalla scuola accompagnati dai genitori. Secondo quanto riferito da alcuni di loro, il ragazzo, mentre tutti scendevano per andare a ricreazione, avrebbe avvicinato una sedia alla rampa delle scale e dopo aver detto ‘ciao a tutti’ si sarebbe lanciato nel vuoto davanti a loro. (Continua a leggere dopo la foto)








Nella classe del 13enne i carabinieri avrebbero trovato un biglietto.Sotto al banco della classe del ragazzino è stato trovato un bigliettino in cui si annunciavano i propositi suicida. “Mio figlio lo conosceva, erano stati in gita un mesetto fa. In questi casi si pensa sempre al bullismo ma non penso sia così, faceva karate ed era un ragazzino solare” ha detto un genitore uscendo dall’Istituto. “Vicini a famiglia del ragazzo deceduto a Roma”, afferma la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli. In attesa di conoscere, si legge in una nota del Miur, la dinamica dei fatti, rispetto alla quale è stata chiesta un’approfondita relazione anche all’Ufficio scolastico regionale, già attivato sulla vicenda, la ministra Fedeli  anche voluto anticipare un’altra cosa… (Continua a leggere dopo le foto)








 

“Il Ministero offrirà tutto il supporto necessario alla scuola e alla comunità scolastica per affrontare il lutto vissuto stamattina”. E la procura di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti per fare luce sul suicidio dello studente. Il pm Elena Neri procede per istigazione al suicidio e tale ipotesi è stata configurata, benché agli inquirenti siano già apparsi chiari i tormenti del ragazzo, per svolgere una serie di accertamenti a tutto campo.

Ti potrebbe interessare anche: “Ti fa suicidare!”. Allarme in Italia per il nuovo stupefacente in circolazione. La chiamano “droga di Hitler”, induce alla pazzia. Sembra una innocua caramellina alla fragola, ma ha un principio attivo molto più pericoloso dell’ectasy. Paura nelle discoteche: come riconoscerla e (soprattutto) come evitarla

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it