A 20 anni inizia a perdere i capelli a ciocche e cade nello sconforto totale, poi scopre un farmaco che risolve il suo problema ma gliene crea una peggiore…


 

A 20 era diventato calvo e impotente. E se la cosa può essere traumatica per chiunque, lo è ancora di più se fai il modello. A Giorgos Tsetis, però, è successo: quando era nel pieno della carriera, ha iniziato a perdere capelli a ciocche. Proprio nel momento peggiore: quando aveva iniziato a lavorare per Vogue, Versace e Armani. Che sfortuna… Già, ma poi succede qualcosa… La soluzione? Arriva quando Giorgos, di origine greche, compie 21 anni.

(Continua a leggere dopo la foto)








Stava posando per un servizio fotografico, quando il make-up artist, si trova nella condizione di dover coprire la stempiatura. Da quel momento inizia ad assumere Propecia, un farmaco che impedisce la conversione del testosterone in diidrotestosterone e quindi la caduta dei capelli. Gli effetti collaterali, però, sono pesanti: disfunzione erettile. Nonostante ciò, Giorgos prende il farmaco per 6 anni fin quando, però, oltre alla disfunzione erettile, non riscontra anche un forte calo del desiderio. La situazione degenera finché la ragazza non pensa di lasciarlo. Ma questa volta c’è il lieto fine: il giovane viene a sapere che in Canada un gruppo di uomini ha intentato una causa contro il marchio, accusato di condurre all’impotenza permanente. Solo allora smette di prenderlo. Poi, dopo una serie di vicende, incontra Roland Peralta, direttore operativo e finanziario di un marchio di shampoo contro l’invecchiamento dei capelli. Insieme i due fanno una ”magia”: un integratore vitaminico di nome Nutrafol, contenente ingredienti naturali in grado di prevenire la caduta dei capelli bilanciando gli ormoni nel corpo. E ora? Il successo di Nutrafol aumenta di giorno in giorno e i capelli di Giorgos son più belli che mai. La vita sessuale? Beh, non potrebbe andar meglio…

Leggi anche:  Capelli piatti? Ecco cinque modi semplici semplici per conquistare più ”volume”






Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it