Hanno 5 e 7 anni e non vedono l’ora di rientrare a casa dopo la scuola. Mano nella mano varcano la soglia, ma quello che si trovano di fronte è assurdo. Il racconto del padre dei piccoli è struggente: “Li ho trovati in un lago di sangue”


 

Una donna come tante, con due bambini, un marito e una casa da mandare avanti. I problemi non mancano in nessuna famiglia, ma quello che questa donna di 25 anni nascondeva nel suo intimo era tutt’altro. Nulla di quello che sembrava era vero. Esbeidi Sanchez viveva a Bascom in Florida (Usa), aveva accompagnato a scuola i suoi figli di 5 e 7 anni e poi è tornata a casa. Nessuno sa cosa abbia fatto la donna nelle ore successive, tutto sembrava normale, come al solito. Poi è arrivata l’ora in cui i bambini sono rientrati e lei era lì ad attenderli con una pistola in mano. Appena i due fratellini hanno varcato la soglia di casa lei ha puntato contro di loro una pistola che teneva in casa e li ha uccisi con un colpo alla testa per ciascuno di loro. Poi con quella stessa arma ha concluso la tragedia. L’ha puntata su di sé e si è uccisa. A scoprire il dramma è stato il marito della donna, Thomas Sanchez, che era appena ritornato da una giornata di duro lavoro nei campi di cotone della Florida. L’uomo si è ritrovato davanti ad una scena agghiacciante con i due figli e la moglie che giacevano in casa in una pozza di sangue, ma in qualche modo è riuscito a trovare la forza per allertare i soccorsi che sono giunti sul posto. (continua dopo le foto)



L’ambulanza è arrivata nel gior di poco tempo, ma all’arrivo dei soccorsi il piccolo Ronaldinio ‘Ronny’ Ramirez-Sanchez, di 7 anni, era già morto, mentre il fratello più piccolo, Gustavo ‘Angel’ Ramirez-Sanchez era ancora vivo. Sebbene le condizioni del bimbo di 5 anni fossero gravissime Thomas ha sperato che potesse salvarsi, ma purtroppo anche lui è stato dichiarato morto poco dopo il suo arrivo al vicino ospedale di Tallahassee dove è stato condotto con l’elisoccorso. Una tragedia assurda che ha sconvolto la comunità locale e alla quale nessuno sa dare una spiegazione, né il pastore capo della chiesa battista locale, che aveva battezzato la donna solo cinque giorni prima, né il marito della donna. (continua dopo le foto)



 


Sul luogo dell’omicisio-suicidio la polizia ha subito fatto i rilevameti di rito. Gli agenti hanno riferito che la 25enne ha lasciato un bigliettino in cui racconta le difficoltà della sua vita, ma non è riuscita a spiegare perché ha deciso di uccidere i piccoli. “La nota che ha lasciato indica quello che voleva fare e descrive alcuni incidenti che si sono verificati nel suo passato che probabilmente hanno portato a questo, cita i bambini ma non menziona perché avrebbe dovuto uccidere anche loro. Probabilmente è una delle cose che non sapremo mai”, ha spiegato il portavoce dell’ufficio dello sceriffo della contea.

Ti potrebbe interessare anche: “È assurdo!”. Uccide il figlio ma la Cassazione non gli dà l’ergastolo. Appena viene pubblicata la sentenza, scoppia il putiferio in rete a causa delle motivazioni dei giudici. Non è possibile…