”Ho il seno e i capezzoli cadenti”. In preda a una profonda depressione, ingurgita 7.000 calorie al giorno (praticamente mangia per due) e arriva a pesare 325 chili. Ma il medico gli intima di perdere peso se non vuole morire. Così, terrorizzato, dimagrisce moltissimo e diventa un altro. Ma ora ha un problema enorme. Guardatelo con i vostri occhi


Ingurgitava 7.000 calorie al giorno e pesava 325 chili. Poi, però, Paul Stevenson è riuscito a perdere la metà del suo peso, solo che il suo corpo si è svuotato ma la pelle è rimasta e ora che si sente ‘’un pallone sgonfio’’ vuole sottoporsi a un intervento di chirurgia per rimuovere la pelle in eccesso. 36 anni, una dieta fatta da pasti giganti, un menù completo per due persone: Paul si è sempre nutrito in questo modo alimentando la sua stazza enorme, stazza che ha condizionato profondamente la sua vita impedendogli di uscire di casa per almeno 5 anni. Ma il medico, un giorno, lo ha messo di fronte a un bivio: se continui così, morirai. E allora Paul ha deciso di cambiare vita. Ma come era arrivato a pesare 325 chili? Facciamo un passo indietro. Era il 2000 e sua madre Valerie, 50 anni, era morta. Il ragazzo inizia a soffrire di depressione e a riempire il vuoto d’amore rimpinzandosi di cibo. Per 5 anni non esce di casa ma un giorno il medico, che lo va a visitare a domicilio, gli fa presente che morirà presto se continua di questo passo. Così si sottopone a una dieta ferrea, fa esercizio, si mette un bypass gastrico e riesce a perdere 185 chili. Ma rimane ricoperto di una quantità abnorme di pelle in eccesso. Continua a leggere dopo la foto








Ora vorrebbe sottoporsi a un intervento per rimuoverla ma non ha i soldi. Così sta tentando la strada del fundraising per racimolare i soldi che servono per fare l’intervento. ‘’Mi sento come un pallone sgonfio. Ma comunque meglio di prima: ero tappato dentro casa e non vivevo. Sopravvivevo, semmai. Avevo continui attacchi di panico, mi sentivo escluso dal mondo e la folla mi faceva sentire pietrificato. Così, per compensare, mangiavo enormi porzioni di cibo spazzatura, consumavo due litri di cola al giorno e non facevo nulla se non aspettare il pasto successivo. Mangiavo come fossi due persone’’. Tutto cambia, però, con quella visita del medico: ‘’Mi ha consigliato un ottimo psicologo che a sua volta ha trovato un centro di dimagrimento che facesse al caso mio. Gli devo molto. Solo che ora non riesco a guardarmi allo specchio per via di tutta questa pelle in eccesso’’. Continua a leggere dopo le foto





 

‘’Ho il seno come le donne e i capezzoli cadenti, ho le ali sotto le ascelle e pelle ovunque: non è certo questa l’immagine che voglio vedere allo specchio. Certo, mi sento fortunato per aver avuto intorno persona che mi hanno aiutato a dimagrire, ora ho ancora bisogno di aiuto’’. Paul vuole rimuovere la pelle in eccesso anche per tornare a fare sport: con il suo fisico è difficile andare in bicicletta, boxe, ma anche correre o fare qualunque attività fisica. Noi siamo fiduciosi e siamo certi ce Paul riuscirà a sottoporsi all’intervento. Di sicuro ci saranno persone generose che lo aiuteranno a realizzare il suo sogno.

”Mamma che budellona flaccida”. Dopo anni di sacrifici e interventi, dimagrisce 100 chili ed è felice del nuovo corpo. Gli altri, però, non smettono di prenderla in giro per la pelle in eccesso che le è rimasta. Ma Jacqueline ha deciso di reagire (nel migliore dei modi). Complimenti!

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it