Per anni beve 3 lattine di birra al giorno e un bicchierino di scotch. E sapete come se la passa ora Agnes? Così…


 

Se conducete una vita regolare, avete un’alimentazione sana, bevete tanta acqua e fate attività fisica, tutto per vivere più a lungo, questa storia vi lascerà un tantino interdetti. Ovviamente è una storia, quindi non prendete spunto da qui. Perché, lo sappiamo bene, la vita non ‘’tratta’’ tutti allo stesso modo. Per esempio Agnes Fenton è una donna fortunata.

(Continua a leggere dopo la foto)








È una delle donne più anziane al mondo, con i suoi 110 anni. Non è nel Guinness World Record, ma meriterebbe di starci. Persino il presidente Obama la ha nel cuore, tanto che, nel giorno del suo compleanno, le ha spedito un biglietto d’auguri. Ma qual è la particolarità della signora? Le sue abitudini. Ma partiamo dall’inizio. Alla donna era stato diagnosticato un tumore benigno che, dopo essere stato operato, è andato via e non è più tornato. Ma il medico, oltre a operarla, le avrebbe dato un consiglio singolare, dopo l’intervento: bere 3 lattine di birra al giorno. Cosa che Agnes ha fatto. Aggiungendo, su iniziativa personale, anche un bicchierino di scotch. Così la donna è andata avanti fino a 110 anni senza particolati problemi se non, appunto, quel tumore benigno. Attualmente, però, il suo appetito è diminuito, per questo motivo i medici le hanno vietato di bere le birre. Ma è merito delle birre e dello scotch se Agnes ha vissuto così tanto? Non si spiega ancora. Agnes, ai tabloid americani, ha rivelato la sua versione: “Quando ho compiuto 100 anni, mi sono guardata allo specchio e ho ringraziato Dio per essere ancora qui. E lo ringrazio ogni mattina. Mi ha permesso di vivere una lunga e piacevole vita, e non ho nulla di cui lamentarmi. Bisogna avere un Dio nella propria vita. Senza Dio, non si ha nulla”. Ripetiamo: non prendete spunto da lei, la vita di ognuno è diversa dalle vite degli altri…

Leggi anche: I cinque prodotti che non devono mancare nella lista della spesa dell’aspirante centenario






Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it