Storia choc: Lidia, bimba di 3 anni, seviziata e uccisa. La denuncia del padre: ”Io so chi è stato a ridurla così…”


 

È arrivata in ospedale già morta, piena di lividi e lacerazioni nelle parte intime. Il sospetto è che la piccola Lidia, tre anni, di origine romene, sia deceduta per sevizie e violenza sessuale. Erano le 22 di ieri sera quando la bambina, accompagnata dal papà, è giunta al pronto soccorso dell’ospedale Martiri di Villa Malta di Sarno. Era nuda, con indosso sono un paio di mutandine e il corpo ricoperto di lividi e segni di violenza.

(Continua a leggere dopo la foto)







Per lei era troppo tardi, non c’è stato più nulla da fare se non dichiararne il decesso, avvenuto in tutta probabilità per un’emorragia interna. I medici hanno subito avvisato le forze dell’ordine. I carabinieri hanno ascoltato per ore la versione del papà e stando a quanto riferito dall’uomo, divorziato, che viveva solo con Lidia, sarebbero stati i vicini a compiere quelle violenze inaudite sulla sua piccola. Così ha detto ai carabinieri, spiegando che ogni mattina lasciava da loro Lidia per poter andare a lavorare. E dopo quelle dichiarazioni, i militari hanno quindi prelevato anche i vicini di casa per portarli in caserma e interrogarli.

Potrebbe anche interessarti: Bimba morta dal balcone e violentata, la madre: “Trovate il mostro o faccio giustizia io”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it