L’incredibile storia di questo bambino che, a soli 10 anni, pesa già 90 chili e non riesce mai a saziare il suo appetito. Una rara malattia ha reso il suo caso unico al mondo


Ha soltanto 10 anni ma il suo peso continua ad aumentare a dismisura, fino a raggiungere e superare quello di molti adulti. Ogni volta che Caden Benjamin sale sulla bilancia l’ago si ferma a quota 90 chili ma nonostante gli sforzi dei parenti per aiutarlo, il ragazzino non riesce affatto a invertire la rotta. Non solo: a rendere bizzarra questa storia, raccontata dal Daily Star, è il fatto che a causa di un disordine genetico il bimbo si trova a mangiare qualsiasi cosa pur di placare la sua fame incessante. Compresa, per dire, la carta igienica, che ingurgita a ritmo frenetico appena rimane da solo. Caden è originario della provincia di Mpumalanga, in Sud Africa, e i medici gli hanno diagnosticato la sindrome di Prader Willi, rara malattia che colpisce mediamente una persona su ventimila e per la quale non esiste una vera e propria cura. Tra gli effetti ci sono proprio l’appetito costante e la tendenza a mettere su peso con preoccupante facilità, che la rendono piuttosto pericolosa”. A spiegare la situazione del ragazzo è la madre Zola che, disperata, racconta: “A un certo punto mangiava rotoli interi di carta igienica, era capace di ingoiarli con grande voracità. In generale, si nutriva con qualsiasi foglio di carta che trovava in giro per le stanze di casa”. (Continua a leggere dopo la foto)








“Quando per non farlo mangiare toglievamo qualsiasi cosa dalla nostra abitazione – prosegue Zola – era capace di grattare via le incrostazioni dai muri e ingoiarle. Non riuscivamo a capire perché si comportasse così finché i medici non sono riusciti a diagnosticare la malattia. A soli tre anni era già arrivato a pesare 40 chili e noi eravamo disperati. Caden era capace di iniziare la giornata mangiando quattro toast al formaggio e poi, nemmeno un’ora dopo, scolandosi una Coca-Cola e controllando gli avanzi della sera prima per spazzolarli. Poi il pranzo, dove riesce a finire anche due polli interi. In generale, ogni ora sente il bisogno di rifocillarsi”. (Continua a leggere dopo la foto)






 

“I medici hanno messo Caden a dieta, preoccupati che possa iniziare a soffrire di gravi problemi di salute. Ma non è facile gestirlo. Siamo stati costretti a mettere lucchetti al frigo e in generale a ogni mobile che contiene del cibo. Lui si sforza di trattenersi ma non è facile, poverino. A 10 anni non sempre riesce a gestire gli impulsi del suo corpo. Una battaglia quotidiana nella quale speriamo di aiutarlo. Il suo peso gli è d’ostacolo per fare cose banali come giocare con gli altri bambini. E io non voglio vederlo triste né pensare che possa stare male”.

“Via presto, è arrivato il rinoceronte”. Pesa quasi 120 chili e ogni volta che i compagni la vedono scattano prese in giro e umiliazioni di ogni tipo. E così Eva, stanca di quella vita, si mette a dieta decisa a cambiare

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it