Incidente choc sulle spiagge della Sardegna. Mentre una donna prende il sole rilassata e sorridente, ecco alzarsi di colpo un vento feroce. Quello che succede dopo è davvero assurdo


 

Un caso terribile quello andato in scena sulle splendide spiagge della Sardegna. E che ha avuto come protagonista una donna che si è trovata a vivere uno degli incubi peggiori di ogni bagnante: finire centrata in pieno da un ombrellone. A causare il violento incidente il vento che in questi giorni non ha dato tregua in quasi ogni zona d’Italia, e che ha finito per sradicare l’accessorio da spiaggia facendolo volare di colpo in mezzo ai presenti. Per la signora, 40 anni cagliaritana, le conseguenze sono state devastanti: ha perso l’occhio destro. Tutto è successo lo scorso 24 giugno al Poetto di Cagliari. Lei, Marcella, è ora tornata in ospedale dopo esser stata ricoverata subito dopo il brutto episodio per un secondo intervento. I medici dovranno infatti toglierle l’occhio. Intervistata sulle pagine dell’Unione Sarda, ha commentato così: “Mi era stato detto subito che le speranze erano quasi inesistenti”. Una dinamica assurda, quella capitata durante una giornata di relax spensierato in riva al mare, e che ha reso tristemente famoso il caso sui social italiani, dove la notizia si è rapidamente diffusa tra lo sgomento degli utenti. (Continua a leggere dopo la foto)



Lei, amareggiata, non riesce quasi a credere che sia successo davvero: “Tutta colpa di una banalità, una scemenza”. La 40enne si era recata in spiaggia e aveva sistemato sdraio e ombrellino, poi a fine mattinata il vento era salito di intensità e dopo qualche minuto “ho sentito un colpo secco alla testa. Mi sono messa le mani in faccia e ho visto il sangue. Non avevo capito subito che il problema era l’occhio, pensavo palla faccia”. Arrivata al pronto soccorso nella capitale sarda, le condizioni dell’area lesionata erano subito sembrate gravi ai medici. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Marcella è entrata in sala operatoria alle 17 per uscirne alle 21,15. “L’occhio era compromesso” le hanno detto fin da subito. Una settimana di ricovero, poi il rientro a casa. Adesso il nuovo intervento. “Hai 40 anni, un lavoro, sei serena. E ti capita una cosa simile: ci sta la disperazione, ma non puoi finire lì. I proprietari dell’ombrellone si sono preoccupati, hanno preso contatti con mia sorella, si sono informati delle mie condizioni. Certo quanto accaduto non è stato voluto. Ora però penso solo all’operazione cui devo sottopormi”.

”Oddio, ma che ha combinato stavolta?”. Paura per il vip. Sangue in testa, ferite al volto e alla nuca. La festa finisce a calci e pugni, poi di corsa in ospedale