“Gli ha tagliato il pene e poi…”. Aveva un desiderio incontenibile che lo ha spinto a mettere un annuncio online per trovare l’uomo giusto. Prepara tutto e la serata si conclude in modo sconvolgente: una storia da brivido


 

Sembrava un uomo come tanti, era un tecnico informatico dell’esercito e conduceva una vita assolutamente normale. Armin Meiws, classe 1961, di Rotenburg era il prototipo del solitario, mai eccessi, mai neanche una donna e viveva con la madre. Nel 1999 la donna morì e a quel punto nella testa dell’allora 38enne scattò qualcosa. Libero dalla presenza dell’anziana madre a quel punto ha decise di realizzare le sue fantasie erotiche e così scrisse un annuncio su un sito di incontri alquanto particolare: The Cannibal Cafè. Armin voleva assaggiare carne umana e cercava qualcuno che potesse aiutarlo nella realizzazione di questa fantasia perversa. Questa idea assurda e perversa lo tormentava da quando era un adolescente. E finalmente online trovò diverse potenziali prede che desideravano mangiare ed essere mangiate. Dopo una lunga selezione nel 2001 ricevette il messaggio di un bisessuale, l’ingegnere berlinese Bernd Jürgen Brandesun. In tanti si erano offerti, ma quest’uomo era stato l’unico a convincerlo. I due sottoscrissero un accordo e quando arrivò il giorno prestabilito Bernd Brandesun si presentò puntuale ‘a cena’. (continua a leggere dopo la foto)



Armin aveva preparato tutto: tavola, candele, vino e una massiccia dose di paracetamolo, utile ad anestetizzare Brend, fino a quando non perse la sensibilità. A quel punto l’uomo era pronto a farsi evirare con il pene eretto. A taglio completato Meiws prese l’oggetto del desiderio  per firiggerlo in padella, lasciando da parte piccoli pezzi da dare in pasto al cane. I due, che avevano fatto sesso prima del ‘taglio’, lo mangiarono assieme. Una volta terminato il ‘fiero pasto’, Brandesun iniziò a sentirsi male per la copiosa quantità di sangue perso. Il 38enne a quel punto lo adagiò nella vasca da bagno, gli mise in mano una copia di Star Trek e lo sgozzò. Dopodiché, continuò a mangiare, congelando uno a uno i pezzi del corpo dell’amante che aveva smembrato e seppellendo quelli meno adatti a essere mangiati, in giardino. Nei mesi a seguire sembra che abbia proseguito a mangiare i resti conservati. Terminato l’ingegnere, scrisse un nuovo messaggio su internet. (continua dopo le foto)



 

Questa volta incontrò uno studente, prima molto incuriosito dalla faccenda, poi sconvolto e inorridito. E a quel punto il ragazzo decise di girare il messaggio alla polizia. Quando gli agenti fecero irruzione nella casa di Armin trovarono seppelliti in giardino e riposti nel freezer dei pezzi di carne umana. “Me lo ha chiesto lui”, si difese Meiwes durante l’interrogatorio. Armin tirò fuori anche il video della ‘seratina’ con l’ingegnere, nel videotape c’era tutto: dai rapporti sessuali alle sevizie fino al cannibalismo, una cosa sconvolgente. Dopo una iniziale condanna a 8 anni per omicidio preterintenzionale, la vicenda processuale si conclude con una condanna all’ergastolo in appello. Un anno dopo, in una intervista a RTL, Meiwes disse che la carne umana ‘sa di maiale’ e che è una ‘bella sensazione’ mangiare un essere umano. Oggi il cannibale di Rotenburg sconta la sua condanna in carcere, dove è diventato vegetariano. 

Ti potrebbe interessare anche: “Ahia, la tua vagina mi ha morso”. A letto con il fidanzato, ecco che questa donna si ritrova protagonista di un bizzarro quanto assurdo incidente. E quando, preoccupata, decide di farsi visitare ecco cosa scopre