Follia a scuola: al prof parte un colpo di pistola in classe e finisce in tragedia


Studente 12enne ucciso da un colpo di proiettile partito accidentalmente dall’arma di un suo insegnante. La tragedia è avvenuto alla Sangota Model School, un istituto privato che si trova nella periferia di Mingora, in Pakistan. Giovedì scorso il professor Majid Khan stava pulendo la sua arma in un’aula del personale quando per errore è esploso un colpo: il proiettile ha colpito un ragazzino che stava camminando con alcuni compagni nel corridoio, per lui non c’è stato niente da fare, è morto sul colpo.

(Continua a leggere dopo la foto)








Il capo della polizia della zona, Saleem Khan Marwat, ha confermato che si è trattato di un incidente e che il professore è stato arrestato. Agli insegnanti del nord-ovest del Pakistan è stato permesso di portare armi in classe dopo la strage di Peshawar, l’attentato terroristico in cui il 16 dicembre sei talebani fecero irruzione nella Scuola pubblica militare della città uccidendo 145 persone, di cui 132 erano bambini o adolescenti di età tra 10 e 18 anni.

Da quel maledetto giorno gli insegnanti della provincia di Khyber Pakhtunkhwa sono stati sottoposti a corsi di formazione all’uso delle armi scatenando le proteste dei professori stessi che si sono detti contrari a queste misure di sicurezze: ”Non siamo noi che dobbiamo combattere i talebani – contestano le associazioni di categoria degli insegnanti – non è nostro compito doverlo fare”. Ma la misura era stata presa per rinforzare la sicurezza nelle scuole, vista la carenza di personale delle forze dell’ordine da destinare al controllo degli istituti.

Potrebbe anche interessarti: Bimbo di 2 anni impugna la pistola, spara e uccide la madre

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it