Fuga dalla città, storia della famiglia che ha scelto di vivere in un’isola deserta…


 

Il sogno di ogni bambino, vivere un’estate che non finisca mai e, questa famiglia ha fatto avverare il sogno dei suoi bambini; Boris e Karyn von Engelbrechten, lei ex manager IT, lui ex manager alberghiero, hanno deciso di trasferirsi su un’isola deserta per vivere in tranquillità e dare la possibilità ai loro figli di crescere in un paradiso. Si impegano tre giorni per raggiungere Fofoa, una piccola isoletta che misura appena un chilometro che fa parte dell’arcipelago di Vava, Tonga. L’idea di trasferirsi venne originariamente a Karin, stanca di passare più tempo in’autostrada per gli spostamenti che in ufficio per il proprio lavoro.

(continua dopo la foto)







La famiglia è autosufficiente per il 60% del cibo e, per il resto hanno una nave che consegna cibo e altri beni ogni tre settimane, gestiscono una guesthouse e vivono secondo i ritmi naturali dell’isola. Tempeste, uragani e tsunami fanno ormai parte della loro vita ma Karin ha dichiarato: “Preferisco tutto questo alle almeno quattro ore giornaliere chiusa in macchina nel traffico cittadino. Volevo dare ai miei tre figli un posto migliore per crescere, un posto dove fosse possibile vivere in pace e in maniera naturale.”






Oltre all’autosufficienza alimentare, negli otto anni in cui hanno già vissuto sull’isola i Von Engelbrechten si sono dotati di vari sistemi per sopravvivere, appena arrivati hanno lavorato con gente del posto per costruire una residenza mozzafiato sulla spiaggia fatta di materiale locali compresi coralli e bellezze marine. Il figlio maggiore Jack 13 anni ha dichiarato: “Vivere su un’isola è entusiasmante ma a volte un po noioso, ho bisogno dei miei amici e qui non c’è praticamente nessuno. Per continuare a studiare dovrò andare in Nuova Zelanda”. Gli altri due figli vengono scolarizzati direttamente dalla madre che ha detto: “Devo dare loro lo stesso livello scolastico dei bambini inglesi”.

Potrebbe interessarti anche: Famiglia molla tutto per trasferirsi a Bali: ”Vivere per il lavoro tra palazzi di cemento non ha senso”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it