“Non parla e non cammina più… le sue condizioni sono disperate”. A 17 mesi era in viaggio con i genitori, poi una distrazione ed è stata subito tragedia: ora il suo corpicino è ridotto così. E tutto per una cosa banale che facciamo spesso


 

Era in viaggio con la sua famiglia, quando gli è capitata la cosa più prutta che poteva succedergli, un tragico incidente che lo ha ridotto in fin di vita. Hunter Hall è un bambino di 17 mesi, originario di Rockhampton, in Australia, che è rimasto vittima di un terribile incidente domestico. Il piccolo era in viaggio con la famiglia quando si è fatto accidentalmente cadere un bollitore pieno d’acqua bollente sul corpo. Le sue urla sono state terrificanti e i genitori lo hanno immediatamente portato nell’ospedale più vicino. Quando è arrivato al pronto soccorso i medici si sono messi le mani nei capelli, ma hanno tentato il tutto per tutto pur di salvargli la vita. Purtroppo la situazione era già gravissima, Hunter aveva ustioni sul 12% della sua pelle, dalla testa al petto, fino ad arrivare alle gambe e ai piedi. Solo pochi giorni prima il piccolo, per la gioia della mamma e del papà, aveva mosso i suoi primi passi e poi la tragedia che lo ha costretto in un letto di ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)






Hunter purtroppo è rimasto ricoverato per molte settimane e non riusciva più a muoversi, era ricoperto di bende e la madre ha dovuto applicargli delle lozioni otto volte al giorno: “Aveva imparato a gattonare e a emettere qualche suono, ora l’unica cosa che riusciva a fare era grugnire”, ha spiegato la mamma disperata. Ma un po’ alla volta il piccolo guerriero si è fatto forza e ha iniziato lentamente a migliorare, infatti molte delle ferite e delle ustioni stanno guarendo. (Continua a leggere dopo le foto)








 

Tuttavia, il cammino è lungo e le cicatrici sulle gambe lo accompagneranno per tutta la vita. Hunter purtroppo avrà bisogno di sottoporsi a trattamenti specifici fino a quando continuerà a crescere, anche se i segni che ha sulla pelle potrebbero rimanere indelebili. Proprio per trovare i soldi necessari alle cure mediche, che sono molto costose, i genitori hanno lanciato una campagna di raccolta fondi su GoFound Me. La speranze è che il bimbo riesca ad avere una vita normale, così che quell’incidente possa diventare solo un brutto e lontano ricordo.

Ti potrebbe interessare anche: “Quello che gli ha fatto è mostruoso…”. Aveva solo 18 mesi ed era un bimbo stupendo, ma la sua vita era un incubo. Quando sono arrivati i soccorsi sono venute fuori tutte le atroci torture che il piccolo subiva. Questa la colpa’ del suo bimbo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it