“Deve abortire, il piccolo non ha speranze”. I medici mostrano questa immagine alla madre, con la diagnosi più agghiacciante che poteva sentire. “È mio figlio!” dice lei, e decide di proseguire. Il bimbo viene al mondo e quello che succede è pazzesco


 

L’attesa di un bimbo è un momento di grande felicità per i genitori, finché è nella pancia si pensa che nulla potrà accadergli, ma ci sono casi in cui si avverano le peggiori paure. Ed è proprio questa la situazione in cui si sono ritrovati Shelly Wall e suo marito, quando i medici hanno comunicato loro una terribile notizia che riguardava il figlio Noah, che si trovava ancora nel grembo materno. Infatti, nel corso di una banale ecografia, i medici avevano scoperto che Noah soffriva di idrocefalia. Questo disturbo della crescita impedisce al cervello di svilupparsi normalmente e le dimensioni della testa sono sproporzionate rispetto al resto del corpo. Il bambino, inoltre, non sarebbe sopravvissuto a lungo dopo la nascita, e in ogni caso la qualità della sua vita sarebbe stata molto bassa. Per questa ragione tutti i medici avevano suggerito alla coppia di prendere in considerazione un’interruzione della gravidanza.  Ma Shelly non ha avuto il cuore di fare questa scelta: quel piccolo era su figlio. Poi è arrivato il giorno del parto e le previsioni peggiori si erano avverate: Noah era vivo, ma solo il 2% del suo cervello funzionava. (Continua a leggere dopo la foto)



Shelly  e suo marito amavano il piccolo Noha e per lui erano pronti a tutto. Così il tempo è passato, fino a  quando è successo qualcosa che neanche i medici sanno ancora spiegare: il cervello di Noah ha iniziato a crescere. Anche se in maniera più lenta di quello di un bambino completamente sano. Tuttavia oggi, a quattro anni, il piccolo ha praticamente le stesse funzioni cerebrali di ogni suo altro coetaneo.  Ovviamente Noha ha ancora bisogno di cure speciali, che i suoi genitori non gli fanno mai mancare. (Continua a leggere dopo le foto)


 

 

Per la famiglia Wall è stato un vero miracolo, quello che è capitato al loro piccolo ne è la dimostrazione e oggi che Noah è sveglio, sta bene ed è molto felice e i genitori non potrebbero esserne più orgogliosi. Si tratta di un caso decisamente raro, tanto che gli specialisti in materia, seguono con interesse la sua crescita. E ha conquistato tutti, non solo per i suoi incredibili progressi, ma anche per la sua allegria e vivacità. Che non si spengono neanche quando si trova in ospedale. Nel frattempo, è stato persino prodotto un documentario su Noah e la sua famiglia. Shelly è convinta di aver fatto la scelta giusta quel giorno. 

Ti potrebbe anche interessare: “20 ricoveri in ospedale e i medici non hanno capito nulla!”. Tutto è iniziato con un dolore alla caviglia. Ha solo 5 anni e nessuno comprende cosa abbia, poi la diagnosi choc: una malattia ‘banale’, ma nessuno ci aveva pensato. Cosa è successo