Viene ricoverato d’urgenza per un trapianto, poi la lunga degenza e gli strascichi della malattia. Nel frattempo, però, l’azienda lo licenzia e a quel punto intervengono i colleghi. Beh, quello che hanno fatto per lui, che ha 55 anni, è davvero meraviglio


 

Quando si dice la solidarietà e soprattutto il lottare per una giusta causa. La notizia ha del sorprendente. Sciopero di due ore su ogni turno, alla Oerlikon di Rivoli per protestare contro il licenziamento di un operaio invalido al 100%. Per tutta la giornata di mercoledì 8 marzo Fiom, Fim e Uil hanno proclamato lo stato di agitazione e definito “inaccettabile” la decisione dell’azienda, leader nel campo della produzione di ingranaggi e componenti per la trasmissione. Per il futuro non è escluso il ricorso a un’intera giornata di sciopero a livello nazionale che coinvolga anche gli altri stabilimenti piemontesi e il sito di Bari. Protagonista involontario della mobilitazione sindacale è Antonio Forchione, 55 anni, appena rientrato al lavoro dopo un lungo periodo di convalescenza. (Continua a leggere dopo la foto)



“Ho subito un trapianto di fegato a luglio e, lunedì scorso ho rimesso piede in azienda, scoprendo di essere stato licenziato. La motivazione? Ho una disabilità del 100% e non posso più stare in officina. Insomma, sono diventato inutile. Io però penso che potrei continuare a fare lavoro d’ufficio o di magazzino, anche demansionato”.  

(Continua a leggere dopo le foto)



 

 

Dopo 37 anni di lavoro, 27 trascorsi nella fabbrica di Cascine Vica, ad Antonio mancano ancora 5 anni per raggiungere la pensione: “L’azienda non ha informato le Rsu e ha fatto offerte ridicole al lavoratore, che giustamente le ha rifiutate – spiegano i rappresentanti sindacali –. Non si può trattare in questo modo un uomo che ha dato buona parte della sua vita per la sopravvivenza di questo stabilimento”.  

 

Ti potrebbe interessare anche: Abusi sessuali, Papa Francesco fa sul serio: “licenziato” un cardinale. Non accadeva dal 1927