“Credevo fosse l’uomo della mia vita. Invece era un mostro”. Innamorata e incinta del ragazzo che adora, va a vivere con lui sognando già un futuro da fiaba. Ma un giorno, per caso, apre quell’armadio e…


La sua vita sembrava semplicemente perfetta, soddisfacente, quello che aveva sempre sognato. A soli 16 anni aveva già trovato l’amore della sua vita, del quale si riteneva follemente innamorata, e aveva deciso di mettere su famiglia con lui. Così quando Lorna-May Anslow, oggi 19 anni, è rimasta incinta del 24enne Joseph Johnson si è sentita al settimo cielo. Originaria di Portsmouth, in Inghilterra, si era subito trasferita in casa della suocera in attesa che il piccolo venisse al mondo. Un giorno però, mentre il ragazzo era fuori a giocare a football e lei stava pulendo le stanze, ecco l’atroce scoperta: una serie di lettere scambiate con ragazzine minorenni, con le quali Joseph aveva avuto delle relazioni, in particolare una di soli 14 anni: “Ho sentito lo stomaco rivoltarsi, ho pensato alla persona che avevo accanto, al padre di mio figlio, al fatto che in realtà non lo conoscevo affatto e che quello che pensavo essere un uomo speciale era in realtà un pervertito, un pedofilo”. (Continua a leggere dopo la foto)









“Quando l’ho affrontato – racconta lei sulle pagine del Sun – lui ha ammesso di essere stato pessimo, di aver sbagliato molto. Mi ha chiesto di perdonarlo, di restare con lui. Ho provato a dargli un’altra chance ma alla fine ho capito che non potevo continuare a vivere con lui. Dovevo pensare al figlio che avevo in grembo, non meritava un padre così”. (Continua a leggere dopo le foto)  








 

Alla fine Lorna ha trovato un altro uomo, Connor, con il quale ora vive. Ha avuto una bambina di nome Grace e ha saputo che Joseph è stato condannato per una serie di messaggi espliciti inviati a una 15enne, nei quali le chiedeva di inviargli foto senza vestiti addosso. “Non dimenticherò mai quel giorno, quando il padre di mia figlia si rivelò un mostro”.

“Ecco cosa voglio fare con te, non ti farò male”. La chat choc del pedofilo: lui 44 anni e lei 12enne. Riesce a convincerla a incontrarsi. Cosa è successo (attenzione, i messaggi potrebbero urtare la sensibilità di qualcuno)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it