”Ma è sperma!”. Mentre si trova al market per fare la spesa si accorge i avere i pantaloni sporchi. Poi vede un uomo correre via e capisce cosa è successo. Ma il ”modus operandi” del giovane a lasciare tutti senza parole


 

Riempiva una siringa con il proprio sperma per poi spruzzarlo su ignare donne intente a far la spesa. Il fatto, che ha lasciato senza parole l’opinione pubblica, è accaduta all’interno di diversi centri commerciali dell’Ohio, negli Stati Uniti d’America. Sono almeno dodici i casi denunciati alle autorità competenti, in cui una persona avrebbe praticato autoerotismo nei parcheggi di diversi supermarket della città di Marietta, capoluogo della contea di Washington, al fine di riempire con il proprio seme siringhe da utilizzare contro le clienti impegnate a fare acquisti all’interno dei negozi. I casi si sono susseguiti per diverse settimane e, dopo circa due mesi di indagini serrate, Timothy Blake, un ventottenne residente nella cittadina americana il 30 dicembre del 2016 è stato arrestato. “La prima segnalazione – ha spiegato ai media locali sceriffo Larry Mincks – risale a circa due mesi fa, quando una donna, avendo trovato i vestiti macchiati si è recata nei bagni del centro commerciale per pulirsi. Una volta uscita dalla toilette è stata seguita fino al parcheggio da un uomo che la fissava con insistenza”. (Continua a leggere dopo la foto)







L’uomo è stato arrestato mentre andava a cena con sua moglie, grazie alla descrizione fornita dalle numerose donne importunate, che hanno indicato agli agenti anche il veicolo guidato dal molestatore. Crimini a sfondo sessuale ”ispirati da internet”, ha detto lo sceriffo spiegando il modus operandi del giovane. Come detto l’uomo è stato trovato grazie alla descrizione del veicolo che utilizzava e l’arresto è stato reso possibile alla collaborazione tra il dipartimento di polizia di Marietta e l’ufficio dello sceriffo.

(Continua a leggere dopo le foto)




 


 

”Un ufficiale fuori servizio si è imbattuto in un camion che corrispondeva esattamente alla descrizione che aveva fornito la testimone e l’ha bloccato per un controllo. – ha proseguito lo sceriffo – Durante l’interrogatorio ha poi detto di aver utilizzato dell’albume, e solo quando gli agenti gli hanno riferito di aver esaminato le macchie rinvenute negli abiti delle donne ha confessato di aver riempito le siringhe con il suo sperma”.

Il 28enne ha inoltre confessato una dozzina di casi. Adesso deve rispondere delle accuse di oscenità e molestie sessuali. La polizia sta inoltre cercando nuove possibili vittime del maniaco ed ha lanciato un appello alle abitanti di Marietta.

“L’ingrediente segreto per un buon piatto? Lo sperma!”. No, non è una barzelletta né una trovata pubblicitaria. Parliamo dell’ultima tendenza che sta prendendo piede dietro i fornelli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it