Maestra da sogno, i 10 ‘’compiti a casa’’ che tutti i bambini vorrebbero


 

Margherita Aurora è la maestra della seconda classe delle scuole elementari di Copparo, in provincia di Ferrara e ieri ha salutato i suoi alunni augurando una buona Pasqua e distribuendo un foglio su cui sono indicati ben dieci punti da seguire alla lettera. “Fai delle belle dormite riposanti, pisolini compresi” è il primo punto, seguito da “Passa tutto il tempo possibile con tuoi genitori: se la mamma cucina qualcosa aiutala leggendole la ricetta e allungandole qualche ingrediente; se il papà ha tempo fai delle belle passeggiate con lui, a piedi o in bicicletta”.

(Continua a leggere dopo la foto)







E ancora: ‘’Se hai dei nonni, fatti raccontare le storie di quando erano piccoli: sono divertenti e loro saranno felici di parlartene’’, ‘’La sera, prima di dormire, fatti leggere una storia o un bel libro a puntate’’, ‘’Gioca in allegria con fratelli, cugini e amici, senza dimenticare di avere rispetto e pazienza’’. ‘’Faccio questo lavoro da vent’anni – spiega la maestra Margherita, che di anni ne ha poco più di 40 a La nuova Ferrara – ed è da tanto tempo che pensavo alla svolta. I miei alunni non dovranno stare con le mani in mano, anzi, avranno tanto da lavorare. E sono certa che il loro impegno sarà massimo perché i bambini, tutti, sono diligenti e responsabili e loro per primi hanno capito che si tratta di compiti veri e propri’’. Li ho anche invitati a leggere delle storie per la mamma e il papà, a fare un disegni che appenderemo poi in classe, a prendersi cura degli animali. Insomma, a fare tutte quelle cose che generalmente passano in secondo piano per mancanza di tempo e non certo di voglia’’. La lista prosegue con gli altri ‘’compiti’’: ‘’Cerca di guardare la tv il meno possibile. In alternativa fai un disegno, lo appenderemo in classe al ritorno’’ ‘’Se hai animali domestici, curali con attenzione e gioca tanto con loro’’ ‘’Se fai un piccolo viaggio non giocare tutto il tempo ai videogames: guarda il paesaggio, leggi i cartelli lungo la strada e segna sul quaderno di italiano o su un taccuino i luoghi che visiti’’ e infine , ‘’Martedì è ultimo giorno di vacanza, ripassa le tabelline da 0 a 5 ripetendole ad alta voce. Inoltre controlla con cura l’astuccio e la cartella così da tornare a scuola ordinato’’. Chi non vorrebbe una maestra cosi?

Potrebbe anche interessarti:

Ecco Pasqualino, volto della campagna a favore degli agnelli: per lui 18mila firme

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it