“Rapirono” loro figlio dall’ospedale per farlo curare meglio, oggi la gioia: “Il piccolo è guarito”


 

Qualche mese fa, i genitori di Ashya King, la scorsa estate, erano fuggiti con lui dall’ospedale di Southampton dove il piccolo era in cura per un tumore. Lo avevano portato in Spagna per raccogliere i soldi necessari a iniziare le costose terapie a Praga, non disponibili nel Regno Unito. I due genitori sono stati arrestati perché lo avevano sottratto andando contro il parere dei medici britannici, ma poi rilasciati perché era stata riconosciuta la loro la libertà di sottoporre il figlio al trattamento medico più adatto. Ed evidentemente avevano ragione loro perché oggi è stato dato l’annuncio di gioia: Ashya, dopo una innovativa terapia basata sull’utilizzo di protoni a Praga, non ha più il cancro. Le sue condizioni del bimbo sono migliorate in modo straordinario e sta tornando velocamente a una vita normale. E’ stato il padre del piccolo a dichiarare che una recente tac ha mostrato che non ci sono più i segni del tumore al cervello di cui era affetto.

Genitori scappati con figlio malato. La solidarietà di Cameron