La casa degli orrori: viveva con 65 cani e gatti morti e 85 vivi tra feci e parassiti


 

Una vera e propria casa dell’orrore, un cimitero degli animali che erano ovunque. La polizia del Wisconsin ha per questo arrestato una donna di 45 anni, accusata di maltrattamento e crudeltà verso gli animali: nella sua casa rurale di Freeport sono stati trovati 65 cani e gatti morti e altri 85 cani vivi, in gran parte affamati e in stato di denutrizione. Feci e urina erano in tutte le stanze, animali negli armadi, in scatole mentre altri cani erano rinchiusi in gabbia e altri ancora sono fuggiti dalla porta d’ingresso che era stata appena aperta riversandosi per le strade. Alcuni animali erano in buona salute, ma pieni di parassiti e infezioni dovute al contatto con le feci e una sessantina di loro sono stati portati temporaneamente al Freeport Animal Hospital e altri sono stati affidati a canili della zona.

La donna aveva lasciato quella casa e la scoperta orribile è stata fatta dal proprietario che alla donna aveva dato in affitto l’immobile. Lei gli aveva detto di avere solo due cani al momento di prendere possesso della casa. Poi la polizia, dopo gli accertamenti, ha appreso che la donna aveva una recidiva specifica: era difatti stata cacciata da un appartamento di Whiteside County perché aveva troppi cani e nello stesso anno è stata multata nella Winnebago County perché teneva in casa 22 cani, quattro dei quali senza vaccinazioni.

Trecento topi in casa per combattere la solitudine