Foto incriminata: figlia Bonolis insultata dalle fan degli One Direction. Ma c’è chi la difende: “Bimbeminkia”


Incredibile polemica dopo la foto postata sul profilo Instagram di Sonia Bruganelli, la moglie di Paolo Bonolis, che ritrae la figlia Adele insieme agli One Direction, la nota band anglo-irlandese adorata dalle adolescenti.

La piccola, grazie al lavoro della madre in una casa di produzione è riuscita ad incontrare a Roma i suoi idoli, durante la visita della band per un tour promozionale nello stivale. Subito dopo la foto sono scattati gli insulti duri sulla piccola, che tra l’altro “soffre di una patologia complessa che non le permette di fare file e affaticarsi” scrive Marco Salvati, autore di Avanti un Altro. 







La madre ha risposto alle accuse scrivendo: “Non è questione di malattia, di raccomandazione o altro. Ho una casa di produzione e in questo caso c’era un motivo di lavoro se ero lì alla Elios…lo stesso motivo per cui chi ha prodotto il programma ha invitato mia figlia alla registrazione. Dire che non dovevo mandare la foto è ipocrita e falso come ormai ci siamo abituati tutti ad essere. Ricordo a tutti che dietro una registrazione televisiva ci sono molte persone che si muovono e che lavorano…è come dire che chi produce un film non può invitare all’anteprima i suoi amici a vederlo perché ci sono molti altri che poi devono fare fila per vederlo… A me dispiace per chi non ha potuto vederli ma non è attaccando chi è stato dentro che cambia qualcosa”.




 

Al fianco della moglie di Bonolis si è schierata Selvaggia Lucarelli: “A proposito della figlia di Bonolis insultata perchè lei è riuscita a fare una foto con gli One direction e le altre che sono figlie di macellai e tranvieri no, voglio dire una cosa. Il fatto che sia una bambina con problemi di salute è per me una questione marginale, anche se ovviamente questo accresce la figura di merda di chi si è accanito su una ragazzina felice. Lo dico chiaro e tondo. L’avrei fatto pure io. Se Leon ha un sogno da bambino e realizzare il suo sogno da bambino, innocente come l’incontro con un suo idolo, vuol dire alzare il telefono e chiedere un favore in virtù del fatto che posso farlo, non ci penso un attimo.  Io il giorno del compleanno di Leon ho fatto venire Favij a Milano. Lo voleva conoscere, ne ho approfittato per fargli un’intervista radio, visto che è lo youtuber con più iscritti in Italia. Ho fatto felice mio figlio. Poi magari vado al concerto di Robbie Williams e faccio la fila mentre la figlia dell’ufficio stampa passa e va pure nel backstage. E non dovete rompere le palle, ragazzine e madri frustrate e cattive che non siete altro, perchè lo fareste anche voi. Vorrei vedere se foste figlie del poliziotto o del discografico o dell’addetto stampa o del road manager se non chiedereste anche voi un bel favore a papà. Se vi impuntereste e direte: no, faccio la fila come le altre. Come no. Voi non insultate perchè odiate i privilegi, ma perchè non ne potete goderne voi in quel momento. Privilegi tra l’altro, che non tolgono nulla a nessuno. E mie care bimbeminkia, fossi vostra madre e beccassi un vostro messaggio di insulti alla figlia di Bonolis o a quella della schifosa, non solo non vedreste gli One direction ma neanche la luce del sole per un bel mesetto”.

Ti potrebbe anche interessare: “Io, cieca, cacciata dalla prima fila del concerto di Cesare Cremonini”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it