“Coronavirus in Italia è una scusa per bivaccare”. Lo squallore del noto volto tv


Forse avrete sentito parlare del dottor Christian Jessen, famoso soprattutto per aver partecipato alla trasmissione Malattie imbarazzanti. In queste ore, però, il dottor Christian Jessen è diventato famoso per aver attaccato gli italiani e l’Italia su un tema che proprio avrebbe dovuto non toccare. Il coronavirus. Il nostro paese sta vivendo un’emergenza sanitaria devastante: siamo tutti serrati a casa, cresce il numero dei contagi e soprattutto cresce il numero dei morti.

Ormai abbiamo superato le 1000 unità. E probabilmente non avremmo mai immaginato di arrivare a questo punto. Ma torniamo al dottor Jessen. Cosa ha detto riguardo gli italiani e il coronavirus? Le sue parole sono state davvero scioccanti. E imperdonabili. Non sappiamo cosa gli sia saltato in mente per dire una cosa del genere. La sua affermazione è stata davvero molto grave. Jessen, infatti, ha detto che a detta sua gli italiani sta “usando” il coronavirus. Ma in che senso? Continua a leggere dopo la foto







Nel senso che stanno approfittando del coronavirus per non fare nulla. Vi rendete conto? Chiunque in Italia (e non solo) si indignerà dopo le sue parole pronunciate con grande nonchalance durante un’intervista. “Potrebbe essere considerato un po’ razzista – ha detto nel corso di una recente intervista – Ma non pensi che sia un po’ una scusa? Gli italiani, per qualsiasi motivazione, sono pronti a spegnere tutto e a smettere di lavorare, così da concedersi una lunga siesta”. Continua a leggere dopo la foto






Parole pesanti, parole gli italiani non gli perdoneranno. Ma come si permette a fare un’affermazione del genere mentre è in corso una pandemia che, dunque, non riguarda solo l’Italia ma tutto il mondo. Quando poi dall’intervistatore gli è stato chiesto cosa pensi della decisione del premier britannico di ritardare la chiusura delle scuole lui ha risposto così: “Sono davvero d’accordo con lui. Penso però che sia un’epidemia vissuta più dalla stampa che nella realtà. Basti pensare all’influenza: anch’essa uccide migliaia di persone ogni anno” ha detto. Continua a leggere dopo la foto



 

È ovvio che non ha minimamente idea di cosa sia il coronavirus. Se all’inizio qualcuno lo aveva presentato come un po’ più grave dell’influenza, ora è chiaro che non è così. Il coronavirus è molto pericoloso e non solo per le persone anziane e con patologie. Attualmente in Italia sono diversi i giovani che si trovano in terapia intensiva a causa del Covid-19. Un po’ di rispetto per chi sta vivendo questo dramma ci vuole.

“Situazione grave”. Coronavirus, Paolo Ciavarro corre in confessionale e scoppia a piangere

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it