”È in overdose”. La giovane mamma viene immortalata priva di sensi e con la siringa in mano mentre il bimbo di 10 mesi assiste alla scena. La foto che sta sconvolgendo il mondo


 

Una foto che fa venire i brividi solo a guardarla: una donna svenuta, seduta in macchina con una siringa in mano sta facendo il giro del web e suscitando scalpore e indignazione. Sì, perché non solo la donna è in overdose (e non è di certo uno spettacolo bello da guardare), nel sedile posteriore è seduto il figlio di 10 mesi. La foto, scattata dagli agenti di polizia che hanno trovato la donna in queste condizioni, ha per protagonista Erika Hunt, una 25enne di Hope (Indiana). La giovane si era appena iniettata dell’eroina e probabilmente non aveva pensato a quello che sarebbe potuto accadere e invece è accaduto. Dopo essersi bucata, ha perso i sensi. Nel frattempo il bimbo ha cominciato a piangere disperato. Quando la polizia è arrivata sul posto, ha soccorso sia la madre che il bimbo ma, prima, ha scattato la foto.

(Continua a leggere dopo la foto)

 



 

Una foto cruda, da pelle d’oca, scattata dagli agenti per denunciare quanto la droga sia devastante. Non contenti di averla scattata, gli agenti l’hanno postata su Facebook. Lo scatto è stato poi ripreso dai giornali locali. E ora? Dopo essere stata soccorsa, la ragazza è stata soccorsa e poi arrestata con l’accusa di abbandono di minore. Non è la prima volta che la polizia fa una scelta come questa.

 

(Continua a leggere dopo la foto)


 

Proprio qualche settimana fa, la polizia aveva fotografato una coppia in overdose. I due erano privi di sensi e, nel sedile posteriore c’era il figlioletto che aveva assistito alla scena. “Si tratta di una questione importante che deve essere affrontata. Ci sono troppi bambini piccoli che si ritrovano coinvolti in queste situazioni. E’ molto frustrante”, ha spiegato John Lane il capo della polizia di Ohio East Liverpool a InsideEdition.com. La tossicodipendenza negli Usa è una vera piaga sociale e gli agenti vogliono sensibilizzare la popolazione sulle conseguenze devastanti.  

Leggi anche: “Non fu overdose, Pantani è stato ammazzato”